Home I lettori ci scrivono Il Patto Formativo Scuola-Famiglia e i compiti a casa

Il Patto Formativo Scuola-Famiglia e i compiti a casa

CONDIVIDI

La collaborazione genitori – insegnanti è determinante per la serenità e la crescita del bambino/a, quindi le opinioni, le scelte, le esigenze delle due parti vanno concordate insieme e nel rispetto reciproco.

Nel Patto, come genitore, mi viene dato l’impegno di controllare le attività che il bambino/a svolge a scuola (e lo faccio con piacere ) e lo svolgimento dei compiti a casa, quindi il compito esecutivo – materiale viene dato pure a me.

Icotea

Di qui mi permetto di esprimere la mia motivata opinione: la voce “compiti a casa “, mi sembra, non appare nei Programmi né come adempimento né come obbligo, ma lasciata a libera interpretazione da parte degli addetti ai lavori.

Gli ambiti organizzativi Famiglia – Scuola sono autonomi e diversi.

Non tutti i genitori possono garantire quotidianamente la loro presenza affettiva e fisica, di pomeriggio, per controllare lo svolgimento dei compiti a casa (per lavoro, salute, impegni familiari ed esistenziali…ecc. ecc….).

Molti sono costretti ad affidare ad altri (nonni, vicini di casa, centri diurni…) i propri figli già, forse, svantaggiati rispetto a chi ha sempre l’aiutino di mamma e papà.

Il compito svolto da ciascun bambino/a risulta, così, estremamente variabile, forse anche distorto, quindi non fruttuoso per interpretazione, metodologia, qualità, interferenze, paragoni…

Il momento della correzione, spesso anche anacronistico, diventa perciò un inevitabile e dannoso confronto tra i bambini.

L’attenzione e la concentrazione sono al culmine e ottimali per l’inizio di una nuova attività subito dopo l’ingresso a scuola, appena stabilite le relazioni socio – affettive e, invece, vengono disturbate dalla correzione.

Il tempo di assegnare i compiti a casa e della relativa coerente correzione potrebbe essere impiegato per svolgere quell’attività in classe, con il supporto autorevole, credibile, professionale e competente dell’insegnante.

Non esiste una verifica attendibile che dimostri la differenza qualitativa tra scolari/studenti che hanno fatto compiti a casa e quelli che non ne hanno fatti, neanche nel tempo.

I compiti assegnati il sabato e per le vacanze sono ingiusti e controproducenti: il bambino/a ha diritto al riposo, al gioco, a godere dello spazio socio-affettivo della famiglia, degli amici…

Il rinforzo e consolidamento di alcuni apprendimenti trattati a scuola (che, diciamolo pure, tra tutte le chiavi d’accesso alla Cultura è la Cenerentola… manca solo il calamaio!) e l’educazione al senso di responsabilità non possono essere risolti solo dal compito a casa con libro, quaderno, astuccio di penne e colori, schede di non sempre facile lettura, ma anche dai tempi di assimilazione e interiorizzazione; dai collegamenti  con l’esperienza diretta e con il mondo circostante; dal saper leggere la realtà con l’uso di strumenti più attuali e piacevoli che ormai hanno quasi tutti in casa e fuori; con l’aiuto dei grandi (genitori, nonni, esperti…) che possono rappresentare un legame vero, coinvolgente, trainante con la cultura; con la stimolazione a ricercare, a fare, a provare da solo/a ( senza la paura del voto! ); con la gratificazione e l’autostima che saranno la spinta per andare avanti e crescere usando la propria testa, interiorizzando e credendo nei valori grazie anche alla Scuola.

Attivando tutti gli altri canali informativi-formativi che coinvolgono sì anche i genitori, ma opportunamente, senza imposizioni, scadenze e orari che non sempre possono rispettare perché impossibilitati da motivi oggettivi, nonostante il loro amore per i figli e il loro diritto/dovere di educarli.

Sono sicura che la Scuola privilegi sempre, intelligentemente, il bambino/a e non la restaurazione dei riduttivi compiti a casa e dei discutibili voti espressi anche in frazioni…