Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento Il terrore corre sulle pagelle del 1° quadrimestre: studenti asini nel panico

Il terrore corre sulle pagelle del 1° quadrimestre: studenti asini nel panico

CONDIVIDI
  • Credion

Skuola.net tuttavia pensa ai sui lettori e in vista della prossima “resa dei conti”, rappresentata dalle pagelle del primo quadrimestre, dà dei suggerimenti sul come fronteggiare i rimproveri e le punizioni dei genitori di fronte a eventuali insufficienze portate a casa da alunni “poco studiosi” o troppo presi da altri impegni.
Ed ecco andare dal conteggio delle assenze, per poi progettare quelle strategiche finalizzate a evitare interrogazioni e compiti, a come fare, in termini di modalità comunicativa, la relazione a mamma e papà dei brutti voti, tenendo sempre conte che nel portale “ScuolaMia” del ministero c’è tutto quanto si vuole sapere ma magari non si osa chiedere. Tanto vale allora, suggerisce il portale degli studenti, essere sinceri e chiedere umilmente comprensione per il mal fatto. “Parlare con mamma e papà dicendo loro tutta la verità, forse non salverà gli studenti da grida e punizioni, ma aiuterà i genitori ad essere più comprensivi e soprattutto ad avere più fiducia nei loro figli.”
Se in fine non ci sono altre vie di uscita per migliorare i voti e si temono sonore bocciature a fine anno, è bene iniziare, consiglia il sito, a fare allenamento di buona condotta, a essere disponibili e ruffiani coi docenti, assecondando le loro richiese e la loro egoistica propensione all’autostima. Infatti, come è noto, la condotta fa media e allora un buon voto nel comportamento potrebbe ben alzare la media e essere alla fine pure promossi, sebbene col rotto della famosa “cuffia”.
E se alla fine di ogni fine e se ogni altra via è preclusa e non si riesce proprio a migliorare, né a trovare vie alternative per sollevare la sorte dei voti e della condotta, del comportamento e dei giudizi vari, ci sono sempre i carabinieri preso cui ci si può rivolgersi per farsi accompagnare a casa