Home Personale Inizio scuola 2021, 12mila insegnanti di sostegno chiedono il posto comune

Inizio scuola 2021, 12mila insegnanti di sostegno chiedono il posto comune

CONDIVIDI

Il reclutamento docenti e le prospettive di stabilizzazione del precariato per l’anno scolastico 2021-2022 non sembrano lasciare adito a grandi speranze, né quanto a posti comuni, né quanto a posti di sostegno, anche in relazione al fenomeno della mobilità dai posti di sostegno ai posti comuni.

È quanto emerge dai dati Cisl scuola, dei quali ha riferito anche il nostro direttore Alessandro Giuliani.

Icotea

DATI RECLUTAMENTO CISL SCUOLA

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Il sindacato di Maddalena Gissi calcola che i posti di sostegno siano: “poco meno di 20.000 (rimasti dalle assunzioni dello scorso anno) a cui si devono aggiungere i 5.000 posti consolidati in organico di diritto dalla legge di bilancio per il 2021 e 1.880 per possibili pensionamenti”.

Numeri che vanno messi in relazione con il dato cui accennavamo in apertura: “20.645 titolari su sostegno hanno presentato domanda di trasferimento e di questi 12.337 hanno chiesto trasferimento su posto comune“.

Una tipologia di mobilità non nuova – spiega la segretaria Cisl – considerato che “storicamente i trasferimenti da posto di sostegno a posto comune si aggirano sui 4.500/5.000 unità annue”.

Posti vacanti

Complessivamente, il sindacato stima che vi siano al momento circa 31.000 posti vacanti utilizzabili per assunzioni in ruolo, a fronte di 22mila specializzati che vorrebbero candidarsi a ricoprire le cattedre ma che in molti casi non potranno, visti i legacci del Dl Sostegni bis.

Sostegno e Gps

Insomma, il tema del sostegno si intreccia a quello delle Graduatorie provinciali per le supplenze (Gps) e delle disposizioni del Dl 73 del 25 maggio scorso (Sostegni bis).

Riferisce il sindacato: “Su sostegno, con circa 22.000 docenti specializzati fra tutti gli ordini di scuola in GPS (fonte Cisl Scuola), comprendendo anche coloro che non hanno raggiunto le tre 3 annualità di servizio, non si riescono a coprire tutti i posti disponibili. Mantenendo il vincolo dei 36 mesi si riducono ulteriormente le possibilità di assunzione”.