Home Attualità Inizio scuola, 24 misure che non possono mancare, la check-list dell’OMS

Inizio scuola, 24 misure che non possono mancare, la check-list dell’OMS

CONDIVIDI
  • Credion

In vista dell’avvio dell’anno scolastico 2021- 2022, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha voluto offrire un supporto alle scuole definendo le 38 azioni che non possono mancare per la lotta al Covid-19. Tra queste abbiamo selezionato le principali misure, giungendo a una lista di 24 azioni strategiche di contenimento del virus.

SCARICA IL DOMUMENTO OMS

  1. Pubblicare delle linee guida nazionali regolarmente aggiornate sulla riapertura delle scuole (o sulla necessità della chiusura) insieme alla pianificazione dell’emergenza basata sulle cifre del contagio.

La guida dovrebbe riguardare:

Icotea

a) la valutazione continua del rischio sulla base di:

  • la situazione epidemiologica locale;
  • la salute generale e il benessere di bambini e insegnanti con considerazione del rischio di esposizione all’infezione negli ambienti scolastici;
  • la capacità delle istituzioni educative di adattare i propri sistemi e di operare in sicurezza;
  • le questioni di equità e l’impatto della chiusura delle scuole sulla perdita di istruzione;
  • considerazione della gamma di altre misure di sanità pubblica implementate al di fuori delle scuole.

b) Misure di prevenzione delle infezioni, comprese le pratiche igieniche quotidiane nelle scuole, la pulizia ambientale, la riduzione del contatto con individui malati, il distanziamento in base a considerazioni di età, ventilazione, uso di mascherine, trasporto scolastico e pasti.

c) Aspetti comportamentali.

d) Aspetti curriculari.

e) Risposte in linea con i protocolli sanitari pubblici nazionali e locali.

f) Monitoraggio e sorveglianza.

g) Pianificazione di emergenza.

2. Adottare una politica nazionale sull’uso delle mascherine nelle scuole (e sulla fornitura di mascherine) in base ai consigli dell’OMS/UNICEF sull’uso delle mascherine per i bambini nella comunità nel contesto del COVID.

3. Emanare politiche scolastiche e linee guida sul distanziamento fisico, igiene delle mani e pulizia ambientale in base alle misure di sanità pubblica relative alla scuola nel contesto di COVID-19.

4. Promuovere l’educazione sanitaria attraverso messaggi sulla malattia e comportamenti raccomandati di buona salute.

5. Aggiornare il piano nazionale sulla preparazione e la risposta alle epidemie in base alle migliori pratiche e agli insegnamenti tratti dalla pandemia di COVID-19.

6. Aggiornare le linee guida sul supporto alla formazione a distanza in caso di aumento del numero di casi e il passaggio a un ambiente di apprendimento online.

7. Stabilire un piano di continuità per i programmi di vaccinazione e salute mentale, prevedendo il supporto psicologico per studenti, insegnanti e personale della scuola durante la discontinuità scolastica.

8. Istituire un comitato per il monitoraggio e la valutazione continui della situazione nelle scuole, in collaborazione con il settore dell’istruzione.

9. Fare in modo che l’autorità sanitaria pubblica locale collabori con le autorità scolastiche per garantire sorveglianza epidemiologica nelle scuole secondo il caso esistente e i protocolli di indagine.

10. Garantire che i protocolli di risposta della scuola siano conformi alle raccomandazioni sulla salute pubblica del dipartimento di Sanità e alle linee guida nazionali/locali.

11. Sostenere i bisogni critici, tra cui l’alimentazione scolastica, l’acqua e le strutture igienico-sanitarie; e sostenere le attrezzature essenziali (ad es. sapone, alcol, mascherine e altri dispositivi di protezione personale) e garantirne la disponibilità per studenti, insegnanti e personale scolastico, a seconda dei casi.

12. Garantire strutture operative negli spazi di apprendimento prima e durante le aperture scolastiche, in conformità con le linee guida nazionali (ad es. sapone, alcol, stazioni di lavaggio delle mani), comprese le forniture per la pulizia e la disinfezione. Se le scuole sono state chiuse per periodi di tempo prolungati, i sistemi fornitori dell’acqua dovrebbero essere lavati e clorati per prevenire malattie trasmesse dall’acqua o contaminazione ambientale da potenziali patogeni dopo la riapertura delle scuole.

13. Diffondere messaggi di educazione sanitaria sui comportamenti a rischio e protettivi, compresi messaggi sulle misure di riapertura delle scuole in sicurezza rivolti agli studenti e alle loro famiglie, per garantire il rispetto delle misure e un elevato ritorno degli studenti.

14. Predisporre dei piani di emergenza per supportare la distribuzione di cibo per gruppi di popolazione vulnerabili in caso di chiusura delle scuole.

15. Istituire una squadra di risposta alle emergenze per coordinare l’emergenza al livello nazionale, subnazionale, locale e scolastico.

16. Istituire un team di supporto scolastico (TSS) adeguato al contesto locale. Per esempio, può essere composto da insegnanti, dirigenti scolastici, studenti e genitori/tutori, per valutare la fattibilità dell’attuazione di misure di protezione prima della riapertura delle scuole, sulla base delle raccomandazioni delle autorità nazionali e subnazionali/locali.

Le misure potrebbero comprendere, ad esempio: valutare i locali scolastici per la capacità di mantenere una distanza di almeno 1 metro; valutare gli ambienti esterni; valutare la disponibilità e l’adeguatezza delle strutture per il lavaggio delle mani; valutare i bisogni degli studenti che vivono con condizioni di salute e bisogni speciali; sviluppo di opzioni per evitare che gli studenti si mescolino tra diverse fasce d’età e classi; ridurre il rischio di trasmissione limitando il numero di studenti e personale in contatto con ciascuno. Le opzioni potrebbero includere: – orari in espansione, con alcuni studenti e docenti presenti la mattina e altri il pomeriggio o la sera; – stabilire un ordine per ogni classe di entrare o uscire dall’edificio/ aula; – allestire ingressi diversi per classi diverse.

17. Fare in modo che il team di supporto monitori le assenze per motivi di salute (soprattutto delle persone con condizioni di salute precarie preesistenti); e sostenga approcci didattici a distanza e misti.

18. Fare in modo che il team di supporto esamini la fattibilità del distanziamento fisico dentro e all’esterno delle aule; e identifichi le aree in cui le misure non possono essere implementate (ad es. in alcune aule e/o con determinati studenti voti/anni). Garantire l’uso rigoroso di mascherine se l’uso di questi luoghi non si può evitare.

19. Fare in modo che il team di supporto promuova l’igiene delle mani e il galateo respiratorio. Ciò include l’identificazione dei punti in cui posizionare l’attrezzatura per l’igiene delle mani agli ingressi delle scuole e delle aule, su tutti i piani, nei bagni e nelle mense.

20. Il team di supporto deve promuovere l’uso delle mascherine tra studenti, insegnanti e personale scolastico, in conformità con le linee guida nazionali e locali, soprattutto dove il distanziamento fisico non può essere raggiunto. Gli studenti dovrebbero essere istruiti sull’uso corretto delle mascherine e sullo smaltimento delle mascherine dopo l’utilizzo.

21. I dirigenti scolastici e gli insegnanti, per garantire un’adeguata ventilazione, utilizzano la ventilazione naturale in aule, mense e altri locali.

22. Nell’igienizzazione particolare attenzione dovrebbe essere prestata all’acqua, ai servizi igienico-sanitari e alle superfici frequentemente toccate (es. ringhiere, scrivanie, tavoli da pranzo, attrezzature sportive, porte, maniglie per finestre, interruttori della luce, giocattoli, materiali per l’insegnamento e l’apprendimento, attrezzature da gioco).

23. Sensibilizzare il personale e gli studenti sull’importanza dell’autosegnalazione di eventuali sintomi. I sintomi più comuni sono febbre, secchezza, tosse e stanchezza.

24. Viene applicata una politica di “restare a casa se non si sta bene” per gli studenti, insegnanti e personale scolastico con sintomi. Le politiche di congedo per malattia scolastica sono riviste di conseguenza.