Home Attualità Kiev, colpita da un ordigno scuola materna: era un rifugio antiaereo

Kiev, colpita da un ordigno scuola materna: era un rifugio antiaereo

CONDIVIDI

Presso la capitale ucraina è guerra vera. Si combatte via per via, strada per strada per acquisire e garantire alla propria fazione militare il controllo dei quartieri strategici della città. La popolazione che non ha potuto ancora permettersi di fuggire si protegge come può: si reca nelle campagne circostante o presso villaggi isolati strategicamente poco significativi, si colloca nei tunnel della metropolitana realizzata appositamente a decine di metri sottoterra al fine di ovviare bombardamenti e distruzione o utilizza edifici pubblici – posta, sedi comunali o regionali, scuole e cliniche – per evitare azioni militari ostili. Presso Kiev è stata presa di mira una scuola materna (kindergarten), colpita duramente e distrutta in parte da ordigni esplosivi tra lo stupore e la rabbia della popolazione locale: come è possibile concepire una scuola – peraltro chiusa e in stato d’abbandono da settimane – come un obiettivo militare o come covo di truppe ostili. L’istituto si era trasformato – per la sua strategica posizione e limitata esposizione – in un rifugio antiaereo per la popolazione civile della zona, che attendeva pazientemente la fine delle ostilità momentanee annunziate dal suono incessante delle sirene diffuse in città.

Lo squarcio e l’esplosione: l’immagine di un paese straziato dalla guerra. La testimonianza di due passanti 

Anna-Maria e Oksana erano a casa nelle vicinanze quando è avvenuta l’esplosione, poiché la scuola è stata chiusa dall’inizio delle azioni militari e le lezioni erano svolte online. Ma la gente del posto dice che la scuola veniva utilizzata come rifugio antiaereo per i civili e non riesce a capire come possa essere un obiettivo per le forze militari circostanti. “Il nostro preside ci ha scritto e ci ha chiesto di venire ad aiutare a pulire”, dice Tetiana Tereshchenko, 41 anni, mentre spazza con una scopa. L’esplosione ha squarciato una piazza tra la scuola (all’estrema sinistra), un asilo nido e diversi condomini di epoca sovietica. L’esplosione ha squarciato una piazza tra la scuola (all’estrema sinistra), un asilo nido e diversi condomini di epoca sovietica. Aris Messinis Sua figlia, che ha anche 14 anni, sta piangendo, dice. “Speravamo di tornare a scuola. Avevamo la didattica a distanza, ora non lo sappiamo”. Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha detto che una persona è stata uccisa nell’attacco e 19 sono feriti, inclusi quattro bambini. “È una base militare?” I bambini affrontano una “minaccia immediata e crescente” dalle azioni militari in corso, afferma il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia dell’UNICEF. Almeno 103 bambini sono morti, di cui quattro a Kiev, hanno detto i funzionari ucraini. Almeno sei scuole secondarie e quattro scuole primarie nella capitale sono state danneggiate. Molti bambini sono fuggiti dal paese, con circa il 90 per cento dei 3,2 milioni di rifugiati provenienti dall’Ucraina sono donne e bambini.Eppure ci sono milioni di bambini che sono rimasti. La situazione a Kiev non è così grave come in città colpite come Mariupol e Kharkhiv, ma i bambini della capitale sono ancora a rischio degli ordigni esplosivi che ora colpiscono quotidianamente la città. 

Icotea

Perché coinvolgere i bambini e le rispettive scuole in azioni militari?

Decine di volontari locali aiutano a portare vetri e infissi rotti su un enorme mucchio di detriti, sperando che un giorno la scuola possa ricostruire e riaprire. Il fruscio del lancio di razzi in uscita, tuttavia, ricorda che la scuola è a pochi chilometri dalla prima linea con le forze russe che cercano di circondare Kiev. Per gli ucraini, la guerra resta insensata come sempre. Il timore di un assalto russo alla capitale ha finora svuotato la città di circa la metà dei suoi 3,5 milioni di abitanti, compresi molti bambini. Aris Messinis ha detto ai microfoni: “Mio nonno è russo. Sono ucraino. Non capisco lo scopo. Perché così tante persone muoiono, perché?”. E ha aggiunto: “C’è qualcuno ucciso da quella casa. Perché? Nella scuola i bambini trovano riparo. Perché i nostri figli devono soffrire?”