Home Generale L’Anac segnala grosse irregolarità negli appalti di pulizia nelle scuole

L’Anac segnala grosse irregolarità negli appalti di pulizia nelle scuole

CONDIVIDI
  • Credion

Con apposito atto di segnalazione, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha scritto ai presidenti di Camera e Senato e al ministro del Lavoro, per formulare alcune osservazioni in ordine agli interventi normativi che dispongono la proroga dei contratti di servizi di pulizia e servizi ausiliari delle istituzioni scolastiche ed educative statali e degli enti locali e, più in generale, sul ricorso sistematico alle proroghe normative per garantire la continuità dell’approvvigionamento dei servizi alle amministrazioni pubbliche.

L’Autorità, in particolare, ha segnalato la necessità di un intervento urgente affinché la gestione dei servizi sia ricondotta nell’alveo delle ordinarie procedure di affidamento previste dal Codice dei contratti pubblici e che non si ricorra, per il futuro, all’utilizzo di sistemi derogatori, come le proroghe ex lege, comunque inidonei a risolvere rilevanti problematiche sociali.

Icotea

 

{loadposition bonus}

 

“Tale indicazione – conclude l’Anac – segue, peraltro, alle diverse audizioni presso le competenti Commissioni parlamentari sulla riforma in materia di contrattualistica pubblica in corso, nelle quali è stata rappresentata l’urgente necessità di inserire, tra i nuovi principi regolatori della materia, un divieto espresso dell’affidamento delle commesse pubbliche in deroga alla ordinarie procedure di selezione del contraente, sottraendole ad un effettivo e proficuo confronto concorrenziale”.

Vedi anche Pulizie a scuola, M5S: “Anac riapre scandalo appalti esterni”

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola