Home Alunni “L’Epilessia va a scuola: chi ha paura alzi la mano!”

“L’Epilessia va a scuola: chi ha paura alzi la mano!”

CONDIVIDI

‘Mi chiamo Pierpaolo, faccio la prima media e ho l’epilessia. Che non è la festa della befana – quella è l’epifania – però ci assomiglia. Infatti, quando mi viene l’epilessia, mia madre mi compra sempre un sacco di dolci e mia nonna dei giochi nuovi.’

Inizia così la storia di Pierpaolo, un bambino di dieci anni che racconta l’epilessia in rapporto alla sua vita quotidiana, costituita dagli amici di scuola, dalle partite di calcio, dalle gite scolastiche, dai primi amori. 

Icotea

Il racconto, scritto da Loredana D’Alesio, si intitola “Chi ha paura alzi la mano” e dà il nome ad un progetto che la Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) sta portando nelle scuole di tutta Italia, in occasione della Giornata Nazionale per l’Epilessia 2015.

Il progetto LICE nelle scuole prevede il coinvolgimento di insegnanti e alunni di diversi Istituti scolastici, a partire dalle elementari fino alle medie superiori, sulle tematiche principali dell’epilessia a scuola, attraverso la lettura e la distribuzione di favole, racconti e altri materiali ludico-didattici personalizzati per fasce d’età, realizzati dalla LICE. Grazie alla collaborazione con il corpo docente,  i Coordinatori regionali LICE porteranno avanti un percorso didattico partendo dalla lettura, l’analisi e la comprensione dei testi scelti. L’attività in classe sarà accompagnata da incontri tra medici e insegnanti riguardanti i più importanti temi e problemi relativi al binomio epilessia e scuola (vd. Somministrazione farmaci a scuola).

Il progetto “pilota” è stato realizzato nella classe II B dell’Istituto Comprensivo “Antonio Rosmini” di Roma.  Proprio con le immagini e i disegni dei ragazzi di quella classe e grazie al lavoro di Norina Wendy di Blasio e Rachele Gicalone, è stato realizzato il libro illustrato “Chi hapaura alzi la mano” ed è nata l’idea del progetto che accompagnerà medici, alunni e insegnanti in questo percorso formativo. La video testimonianza di quell’esperienza è disponibile qui https://www.youtube.com/watch?v=ECmWBt8QibE.

Il progetto “L’Epilessia va a scuola…chi ha paura alzi la mano” mette a disposizione delle scuole vari testi, in base alle diverse fasce d’età, che vanno dai sei ai sedici anni circa. Per i bambini delle classi elementari, ad esempio, il programma sarà sviluppato attraverso la favola “Sara e le sbiruline di Emily” un altro testo edito dalla Fondazione LICE, particolarmente adatto a questa fascia d’età e diffuso nelle scuole negli anni precedenti. Il flipbook è consultabile gratuitamente al link http://fondazionelice.dapalab.it/Sara_e_le_sbiruline_di_Emily/index.html

 

Somministrazione di farmaci A SCUOLA

Uno degli argomenti principali di preoccupazione sia per i genitori che per gli insegnanti è la somministrazione di farmaci in orario scolastico e il pronto intervento in caso che si verifichino crisi in classe. Esistono a tal proposito delle Linee guida per la somministrazione dei farmaci in orario scolastico redatte dal Ministero della Salute e dell’Istruzione  (25/11/05), cui sono seguiti protocolli d’intesa con le Regioni, in base ai quali le scuole sono tenute a far somministrare dagli insegnanti, o da altre persone designate, i farmaci per il trattamento d’urgenza delle crisi convulsive acute prolungate, previa formale richiesta dei genitori a inizio anno scolastico. Per impedire che gli insegnanti si rifiutino di mettere in atto interventi non di loro competenza, bisognerebbe che all’inizio dell’anno scolastico i genitori informassero sia il Dirigente scolastico che gli insegnanti della situazione clinica del loro bambino e che si organizzasse a scuola un incontro con il neurologo curante.

Per informazioni sui progetti www.lice.it e www.fondazioneepilessialice.it