Home Didattica L’Europa da portare sui banchi

L’Europa da portare sui banchi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con l’obiettivo di portare la conoscenza dell’Europa tra i banchi di scuola di ogni ordine e grado, il 20 gennaio è stato sottoscritto l’accordo tra Dipartimento politiche europee della presidenza del Consiglio dei ministri, ministero dell’Istruzione, Parlamento europeo e Commissione europea: in questo modo si vuole istituire un partenariato strategico allo scopo di garantire in modo uniforme la dimensione europea dell’educazione civica nelle scuole italiane.

“L’accordo – si legge nel comunicato che annuncia l’avvenuto accorso – è stato sottoscritto presso la Rappresentanza in Italia della Commissione Ue e prevede – attraverso un progetto pilota che sta per partire – una fase sperimentale di elaborazione dei moduli didattici per gli insegnanti delle scuole primarie, secondarie e secondarie superiori. In una seconda fase, da portare a compimento entro il 2020, i 234.000 docenti italiani che oggi insegnano “Cittadinanza e Costituzione” potranno acquisire gli strumenti per offrire ai loro alunni, all’interno dello stesso insegnamento, un modulo didattico dedicato all’Unione europea”.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition eb-progetti}

 

Va ricordato che l’appartenenza all’Unione europea riguarda ormai gran parte dei diritti e dei doveri del cittadino e rappresenta una dimensione imprescindibile della cittadinanza. Per questo gli enti coinvolti intendono, attraverso il loro partenariato strategico, diffondere la conoscenza della dimensione civica europea tra gli alunni, futuri cittadini.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese