Home Attualità La Festa della scuola, per immaginare e progettare la scuola di domani

La Festa della scuola, per immaginare e progettare la scuola di domani

CONDIVIDI
  • Credion

Si apre il 1° settembre prossimo ad Ascoli Piceno “La festa della Scuola”, un evento culturale organizzato da Massimo Arcangeli, responsabile dell’associazione La Parola che non Muore, in collaborazione con l’associazione La Voce della Scuola di Diego Palma.
Nelle intenzioni dei promotori sarà una preziosa occasione offerta ai docenti (e non solo a loro) per potersi conoscere, per potersi confrontare, per poter immaginare e progettare insieme la scuola di domani.
Questi i temi principali al centro della manifestazione: una politica per la scuola; un manifesto per la scuola futura; i docenti precari, “ingabbiati” e “immobilizzati”; trasparenza, sicurezza, programmazione e dispersione scolastica; inclusione e bisogni “speciali”; didattica, cultura scolastica, saperi disciplinari.
All’evento prenderanno parte docenti, studenti, famiglie, gruppi di coordinamento e associazioni di categoria, sindacati, giornalisti e rappresentanti della politica.
L’obiettivo principale – sostengono Arcangeli e Palma – è quello di progettare la scuola di domani partendo dai problemi del presente, di lavorare tutti insieme per la ricostruzione di un sistema scolastico che valorizzi il lavoro degli insegnanti, che ne riconosca e ne salvaguardi la professionalità, che metta in primo piano i nostri ragazzi e le nostre ragazze”.
Il programma è decisamente ampio ed articolato, perchè nelle tre giornate si alterneranno seminari, laboratori, dibattiti, tavole rotonde.
Il primo giorno si aprirà con un dibattito sul discusso concorso per dirigenti scolastici del 2017 seguito da una tavola rotonda alla quale prenderanno parte esponenti delle diverse organizzazioni sindacali.
Il ricchissimo programma è disponibile nel sito creato appositamente per l’evento.