Home I lettori ci scrivono La ministra dell’Istruzione e il sei politico

La ministra dell’Istruzione e il sei politico

CONDIVIDI

Caro ministra,

non crede che il compito di realtà: restare a casa, sia già una prova di maturità, brillantemente superata? Paura, novità, sgomento, angoscia e nonostante tutto creatività, curiosità, sperimentazione.

Icotea

È stato commovente, ricevere uno YouTube da una futura studentessa in Medicina come lei sogna, maturanda, operatore servizi sociali sullo spettro autistico e quanto crede che valga un simile lavoro? La lode, certamente. Ma la maturanda non rincorre un voto, non cerca applausi.

Fa il suo dovere, semplicemente! Non sognava di fare una maturità online … avrebbe voluto l’abbraccio della sua professoressa di Psicologia per tutti e cinque gli anni di studi… abbraccio sospeso, ci stringeremo un giorno, possibile. Non è già una grande lezione e una ottima prova di maturità?

L’Università pur mantenendo didattica a distanza riapre, per gli appelli di giugno, luglio, leggo. E se gli esami di stato, fossero all’aperto, non c’è architettura scolastica idonea anche questa è una triste realtà, nel rispetto del distanziamento sociale imposto dall’emergenza sanitaria? Un rito collettivo, una speranza di rinascita, un ritorno di comunità. In fondo è l’esame più importante …anche più dell’esame di laurea.

Delicatamente, ministro, la informo che io detesto il sei politico o non, sin da studentessa preferivo l’insufficienza alla sufficienza ma i miei alunni per quello che vivono meritano sicuramente un dieci. Non penna irriverente ma voglia di raccontare il coraggio di giovani che sanno guardare e costruire, futuro.

Questi ragazzi hanno dimostrato ampiamente di possedere le life skills competenze di vita, tutti promossi e a pieni voti e non per buonismo o pietas, li ho presi in prima classe e oggi li lascio andare per le strade del mondo e posso valutare benissimo il processo di apprendimento che non è il voto. Sanno abitare la complessità. Sa, ministro, la complessità non si governa.

Rosaria Scaraia