Home Archivio storico 1998-2013 Generico La scuola statale 2002/2003: sintesi e numeri

La scuola statale 2002/2003: sintesi e numeri

CONDIVIDI

Il Miur pubblica la decima edizione del volume "Scuola Statale, sintesi dei dati" che raccoglie le informazioni ricavate dal sistema informativo del Ministero dell’Istruzione.
In sintesi, le scuole statali sono 41.698, così suddivise:

– 13.546 scuole dell’infanzia, di cui 7.165 fanno riferimento ai circoli didattici e 6.381 ad istituti comprensivi;
– 16.249 plessi di scuola elementare, di cui 8.054 facenti capo a circoli didattici e 8.195 ad istituti comprensivi;

– 1.595 istituti principali di I grado, a cui si aggiungono 5.432 scuole secondarie di I grado, di cui 726 unità associate agli istituti principali di I grado e 4.706 agli istituti comprensivi;
– 2.318 istituti principali di II grado, a cui si aggiungono 2.558 scuole secondarie di II grado, di cui 435 unità facenti capo agli istituti principali di II grado e 2.123 ad istituti d’istruzione superiore.

Icotea

Oltre a queste scuole, vi sono, in plessi diversi, gli Uffici amministrativi: 2691 per circoli didattici, 3300 per gli istituti comprensivi, 884 per gli istituti di istruzione superiore.
Gli alunni sono, in totale, 7.620.227, frequentanti 374.248 classi, come di seguito indicato:

– scuole dell’infanzia frequentanti 960.984 su 41.100 sezioni;
– scuole elementari frequentanti 2.515.219 su 138.011 classi;

– scuola secondaria di I grado frequentanti 1.701.449 su 81.187 classi;

– scuola secondaria di II grado frequentanti 2.442.575 su 113.950 classi.

Quarantadue alunni su cento della scuola dell’infanzia, di quella elementare e di quella secondaria di I grado, e venticinque su cento di quelli della secondaria di II grado, frequentano scuole che sono raggruppate rispettivamente in istituti comprensivi ed in istituti d’istruzione superiore.
Il personale docente (in organico di diritto, per l’a.s. 2002/2003) è costituito da 747.155 unità, così ripartite:

– 83.626 per la scuola dell’infanzia,
– 252.266 per la scuola elementare,
– 176.358 per la scuola secondaria di I grado,
– 234.905 per la scuola secondaria di II grado.

Le unità del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario sono 264.739.
Le persone che, a vario titolo, prestano lavoro nella scuola statale sono 1.128.062. Di queste, 920.657 hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato (722.182 come docenti, 1.957 come personale educativo, 8.751 come dirigenti scolastici e 187.767 come personale amministrativo, tecnico ed ausiliario), 174.866 a tempo determinato (105.049 docenti, 338 personale educativo e 69.479 personale amministrativo, tecnico ed ausiliario).

Si contano inoltre 23.629 insegnanti di religione e 8.910 persone collocate fuori ruolo. Il personale cessato dal servizio con decorrenza 1° settembre 2002 ammonta a 23.928 unità, di cui 15.563 docenti, 26 tra il personale educativo, 599 tra i dirigenti scolastici e 7.740 tra il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario (Ata).
Le cessazioni più numerose dal servizio sono quelle per dimissioni (12.436), per raggiunti limiti di età (5.194) e per cause varie (6.298).

I docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato hanno un’età media di 48 anni.

Sono più giovani gli insegnanti della scuola elementare (46 anni), e della scuola d’infanzia (47 anni), mentre nella scuola secondaria la media d’età è di circa 50 anni per il I grado e di 49 per il II grado. Il personale educativo ha un’età media di 47 anni, i dirigenti scolastici di 56 anni e gli Ata, con contratto a tempo indeterminato, di 50 anni.

Il personale della scuola è, a grande maggioranza, di sesso femminile: le donne raggiungono 82% del totale degli insegnanti, il 61% del personale Ata, il 35% dei dirigenti scolastici e il 19% del personale educativo.

Le insegnanti, nella scuola materna, superano il 99% del totale, mentre nella scuola elementare raggiungono il 95%. Nella scuola secondaria, la percentuale di insegnanti donne flette al 75% nel I grado, e al 59% nel II grado. Analogo discorso per i dirigenti scolastici: sono donne il 46% dei direttori didattici e dei capi degli istituti comprensivi, e solo il 24% dei dirigenti negli istituti di II grado.