Home I lettori ci scrivono La storia della Scuola che credeva di “esser scuola che invece era...

La storia della Scuola che credeva di “esser scuola che invece era un calesse”

CONDIVIDI

C’era una volta la scuola ante 1998; il preside, preposto a dirigere scuole secondarie di primo o secondo grado, e il direttore didattico, posto al vertice delle scuole primarie.

C’erano una volta le classi ed il maestro unico, responsabile delle stesse e della didattica.

C’era la scuola della Costituzione, che riconosceva  il diritto al rispetto della persona di ogni essere umano, chiunque esso fosse, pari dignità sociale, civile e giuridica a tutti i cittadini e le cittadine senza distinzione di sesso, razza, lingua,  religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali; il diritto ad essere sostenuti nel cammino verso il pieno sviluppo della persona umana.

ICOTEA_19_dentro articolo

Seguirono le leggi sull’autonomia scolastica D.lgs 59/1997 e l’attribuzione della qualifica dirigenziale, con le   due figure accorpate in quella unica dell’attuale dirigente scolastico.

Venne il tempo della globalizzazione, dell’omologazione di massa, del pensiero unico televisivo, del patrocinio dell’economia e del consumismo, dello strapotere dei mercati indiani e cinesi, dell’immondizia e degli ingegneri ambientali impegnati a trovare soluzioni per salvare il mondo. Venne L’ Europa e Donald Trump, venne l’oggi.

Venne la L.62/2000, le classi pollaio, la divisione delle classi, la Spending review.  Venne la buona scuola, il potenziamento, i poteri accentrati sulle figure dirigenziali. Vennero i docenti di ruolo precari, la rete di scuole. Nacque l’industria scolastica dei bambini, dei figli di tutti o forse di nessuno. Bambini deprivati del loro sacrosanto diritto ad avere un insegnante che potesse conoscere e rispettare i loro sentimenti, le emozioni, l’espressione libera di di sé, l’affettività.

I bambini in fondo non hanno bisogno di amore, di essere compresi, ma di assistenzialismo, della necessità di rispondere al patrocinio indiscusso dell’economia e del potere. Di essere trattenuti in un luogo, quando le famiglie lavorano o sono assenti.

Venne il momento in cui la didattica lasciò il passo al PDM, Al NIV, al RAV e per concludere al PTOF.

Venne il momento in cui la popolazione partecipò al gioco senza opporsi; in fondo l’allegria, l’energia, l’entusiasmo disturbano, il silenzio è necessario. Venne il giorno in cui la scuola offrì questo. Il nulla costruito sulla corsa, l’organizzazione perfetta di una catena di montaggio. E l’uomo divenne macchina e la macchina non pensò fece, fece e fece bene. Ordinatamente!

Riccardina Sgaramella

CONDIVIDI