Home Sicurezza ed edilizia scolastica Le norme UNI per ottimizzare l’illuminazione nelle aule

Le norme UNI per ottimizzare l’illuminazione nelle aule

CONDIVIDI

La UNI 10840 elenca i criteri generali per l’illuminazione artificiale e naturale delle aule e di altri locali scolastici, in modo da garantire condizioni che soddisfino il benessere e la sicurezza degli studenti e degli altri utenti della scuola.

I locali scolastici vengono utilizzati prevalentemente durante le ore diurne, perciò la UNI 10840:2007 fornisce le prescrizioni generali sia per l’illuminamento artificiale sia per l’illuminazione naturale (https://www.tecnicadellascuola.it/illuminazione-artificiale-e-naturale-delle-scuole ).

Per i livelli di illuminamento e le prescrizioni generali sull’illuminazione artificiale la norma fa ampio riferimento anche ad un altro documento normativo: la UNI EN 12464-1:2004 “Luce e illuminazione – Illuminazione dei posti di lavoro – Posti di lavoro in interni”.

ICOTEA_19_dentro articolo

La UNI-EN12464 è molto più articolata e con l’aggiornamento del 2011, in particolare, sono stati aggiunti numerose specifiche sui parametri di controllo, alcuni già presenti nelle vecchie edizioni, tra questi:
• Illuminamenti,
• distribuzione delle luminanze,
• uniformità,
• abbagliamento (UGR),
• direzione della luce,
• indice di resa cromatica,
• temperatura di colore,
• flickering;
• controllo della luce naturale.

Tale norma inoltre prevede che i requisiti illuminotecnici debbano soddisfare tre esigenze fondamentali:
• il comfort visivo, cioè la sensazione di benessere percepita
• la prestazione visiva, cioè la possibilità da parte degli studenti/lavoratori di svolgere le proprie attività anche in condizioni difficili e al lungo nel tempo
• la sicurezza, cioè la garanzia che l’illuminazione non incida negativamente sulle condizioni di sicurezza degli studenti.