Home Alunni Le tasse si studiano alle elementari: il gioco delle monete di cioccolato

Le tasse si studiano alle elementari: il gioco delle monete di cioccolato

CONDIVIDI

Franco Fichera, già docente di diritto tributario in diverse università dal 2005 spiega ai bambini di quarta e quinta elementare a cosa servono le tasse, perchéè dannoso per tutti non pagarle, e perché possono essere «belle», le tesse.


«Tutto è cominciato – spiega il professor Fichera a Il Sole 24 Ore- quando l’assessore all’infanzia e alla famiglia del Comune di Roma, nel 2005, mi ha chiesto di andare a spiegare le tasse ai bambini. Non potendo fare una lezione universitaria, mi sono inventato un gioco».

Icotea

 Senza preannunciare nulla agli alunni, il professore distribuisce monete di cioccolato, in modo diseguale: cinque ad alcuni, dieci ad altri e ancora di più ad altri.

Poi, tra il centinaio di bambini che ogni volta partecipano, alcuni vengono indicati come “governo” e altri come “esattori”. E dovranno provvedere alle spese della comunità, tassando i compagni. 
«I bambini discutono sul livello delle “tasse”, sulla necessità di esentare i più “poveri”, su quanto far pagare ai “ricchi”».

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

E concetti come l’equità, la solidarietà, la progressività diventano… elementari. «Aun bambino erano toccate cinque monete – racconta – e si voleva esentarlo. Ma lui si rabbuiò:così sarebbe rimasto escluso dal gioco. Perciò si decise un pagamento minimo di una moneta».

Alla fine della lezione, Fichera e gli insegnanti incontrano i genitori e svelano anche a loro cos’hanno imparato i loro figli quella mattina.

Ma al prof le tasse piacciono?

Questa la sua risposta: “Una volta, alla fine del mio «Gioco delle tasse» con una classe, una giornalista ha chiesto a una bambina il significato del gioco a cui aveva appena partecipato. Lei ha detto: «Se non ci fossero le tasse non ci sarebbe la mia città». Ecco, alla domanda se mi piacciono le tasse, risponderei: Sì! Mi piacciono perché non saprei come fare senza «la mia città».