Home Attualità Maltrattamento all’infanzia: l’indice della Fondazione Cesvi

Maltrattamento all’infanzia: l’indice della Fondazione Cesvi

CONDIVIDI

È stato presentato in questi giorni l’Indice sul maltrattamento all’infanzia della Fondazione Cesvi, Cooperazione e Sviluppo, redatto da Giovanna Badalassi e Federica Gentile.

La sicurezza dell’infanzia durante la pandemia Covid è al centro della ricerca, basata su interviste condotte con operatori dei servizi sul territorio (sanità, scuola, giustizia), che restituisce un’immagine allarmante sullo stato di salute, fisica e mentale, di giovani e giovanissimi.

Icotea

La pandemia, spiega la presidente della Fondazione Cesvi, Giorgia Zavatta, ha aumentato in modo drammatico tutti i fattori di rischio che sono alla base del maltrattamento all’infanzia, agendo in molti casi da detonatore in situazioni di disagio pregresso: povertà e disoccupazione, deterioramento della salute mentale, isolamento e contrazione delle relazioni sociali.

La Fondazione Cesvi segnala che, secondo i dati della polizia criminale, i maltrattamenti contro familiari e conviventi minori registrano un più 11% nel 2020. Nel primo anno di lockdown sono anche drammaticamente cresciuti in modo esponenziale anche i reati di pedopornografia e adescamento online (+77%)”. E recenti sono anche gli episodi, per ora isolati, – Roma, Brescia – di maltrattamenti da parte di docenti nei confronti di alunni. In questo caso si attribuisce la drammaticità degli eventi al burn out, dietro il quale a sua volta ci potrebbe essere la ricaduta di pandemia, lock down, pressioni dovute alla didattica a distanza.

Il maltrattamento sui bambini è la conseguenza ultima di una situazione di disagio che coinvolge le figure genitoriali e il contesto familiare, ambientale e sociale nel quale i bambini crescono, si legge nel rapporto. I bambini e le bambine sono infatti maltrattati soprattutto nell’ambiente che più di tutti dovrebbe garantire loro sicurezza e protezione. Tra il 60% e il 70% dei bambini/e tra i 2 e i 14 anni di età ha vissuto episodi di violenza in casa.

L’effetto della pandemia sui minori

A testimoniare la gravità della situazione è il boom di accessi nei pronti soccorso per disturbi neuropsichiatrici. Secondo la Società italiana di pediatria è avvenuto un incremento degli ingressi di oltre l’80%: ideazione suicidaria, depressione e disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia) le cause principali. A confermare i dati di per sé allarmanti è anche l’Istat, che dice come nel secondo anno di pandemia, l’indice di salute mentale cala decisamente nella fascia 14-19 anni mentre raddoppia il numero degli adolescenti che si dichiarano insoddisfatti.

La geografia del maltrattamento

L’Emilia-Romagna torna a essere la regione con la migliore capacità di fronteggiare il maltrattamento ai minori, in una sintesi tra fattori di rischio e servizi; seguono Trentino-Alto Adige (2°), Veneto (3°), Friuli-Venezia Giulia (4°), Toscana (5°) e Liguria (6°). Sono otto, secondo Cesvi, le regioni a elevata criticità: Campania, Sicilia, Calabria, Puglia, Molise, Basilicata, Abruzzo e Marche. Il Piemonte e la Liguria sono tra le regioni ‘virtuose’ e ‘reattive’, che rispondono alle elevate criticità nei fattori di rischio con servizi al di sopra della media nazionale. Tra le regioni ‘stabili’ si trovano il Lazio ela Lombardia.

Azioni sistemiche

La proposta di Cesvi, nelle parole di Daniela Bernacchi, CEO e General Manager della Fondazione, è quella di dare vita a una Legge Quadro Nazionale sul maltrattamento all’infanzia creando strumenti normativi e amministrativi che facilitino la costruzione di politiche intergenerazionali di prevenzione. Tra le raccomandazioni finali dell’Indice, anche la costruzione di un sistema informativo fondato su strumenti di monitoraggio e di rilevazione puntuale dei dati, la destinazione di risorse ad hoc per la prevenzione e la cura, e una migliore efficacia ed efficienza nella distribuzione delle risorse già esistenti.

Ribadiamo la necessità di azioni sistemiche e di medio-lungo periodo per le politiche di prevenzione e contrasto al maltrattamento, dice ancora Gloria Zavatta, sottolineando come sia fondamentale agire tanto sui fattori di rischio quanto sul complesso del sistema dei servizi per adeguarli e potenziarli. Ci appelliamo all’istituzione affinché investano subito risorse su sanità, scuola e giustizia. In particolare, sottolineiamo la necessità di disporre di dati più puntuali sull’entità del maltrattamento all’infanzia in Italia e di ridurre il divario sociale ed economico delle regioni del Mezzogiorno tramite l’attuazione pratica dei Liveas (Livelli Essenziali di Assistenza Socioassistenziale).

Violenza e maltrattamento sulle donne

Secondo la ricerca è in aumento anche la violenza sulle donne e il luogo dove più frequentemente si consuma la violenza è la casa della vittima, che può spesso tradursi in violenza assistita dai minori. Secondo le stime dell’Istat, circa il 50% dei figli assiste alla violenza, mentre il 10% la subisce.