Home Archivio storico 1998-2013 Generico Marina la scuola e “naviga” in luoghi sbagliati? Un sms avviserà i...

Marina la scuola e “naviga” in luoghi sbagliati? Un sms avviserà i genitori

CONDIVIDI
  • Credion
Incarna quello che probabilmente vorrebbe ogni genitore di fronte all’attaccamento sempre più spasmodico dei giovani alle nuove tecnologie, con tutti i rischi per la sicurezza che ne possono derivare: essere avvisato via sms, tramite un software “intelligente”, se il proprio il figlio si allontana da scuola, oppure quando si connette a siti internet inadeguati o contenenti materiale pornografico o, ancora, se smette di studiare per dedicarsi ai videogiochi. Lo strumento si chiama “iCareMobile” ed è un programma che permette il controllo – totale e personalizzato – delle funzioni dei moderni telefoni cellulari, proteggendo i giovani e i giovanissimi da attacchi esterni ma soprattutto da usi impropri.
A svilupparlo è stato l’Istituto di informatica e telematica del Cnr, che lo presenterà nel corso di “Science Day”, una giornata intera dedicata a illustrare i vari aspetti di Internet in chiave divulgativa, che si terrà il 26 luglio nell’ambito del Fiuggi Family Festival.
“I cellulari di ultima generazione, i cosiddetti smartphone, – ha spiegato Fabio Martinelli, responsabile del gruppo sicurezza dell’Iit-Cnr – permettono agli utenti di essere  sempre connessi alla rete internet: la facilità di utilizzo e la massiccia diffusione di applicazioni per chat, social network e file-sharing li hanno resi molto popolari tra i ragazzi ma anche tra i bambini, favorendo contestualmente la diffusione di foto e video non adatti ai minori. Le tecnologie di sicurezza disponibili per la protezione dei dispositivi mobili da tali contenuti sono attualmente insufficienti, faticosamente configurabili e poco adatte a modulare la protezione sulle specifiche necessità dell’utente”.
Con iCareMobile, invece, sarà “possibile avere un controllo pressoché totale del dispositivo – ha sottolineato Martinelli – sfruttando in chiave difensiva quelle caratteristiche tecniche evolute (Gps, Bluetooth, Mms, connessione a Internet) che apparentemente rappresentano la fonte principale di pericolo per uno smartphone: le regole di comportamento che oggi possiamo solo suggerire ai nostri figli di seguire si trasformeranno automaticamente in sistemi di sicurezza”.
Se confrontato ad altri prodotti analoghi attualmente in commercio, il sistema si differenza per l’alta facilità di configurazione, efficienza e flessibilità dei controlli utilizzabili dai genitori e per la capacità di riconoscere immagini a carattere pornografico direttamente sul cellulare invece che tramite le rete dell’operatore. Ciò garantisce al contempo maggiori economicità e, ad esempio, la possibilità di controllare le immagini scattate direttamente dalla fotocamera oppure ricevute tramite canali locali quali il Bluetooth.
Secondo i suoi ideatori, “iCareMobile” è un vero e proprio supporto a tutela dei giovanissimi dai pericoli della rete e dall’uso improprio del cellulare, anche se “ovviamente – tengono a specificare dal Cnr – potrà coadiuvare ma non sostituire l’azione di dialogo e controllo svolta da genitori ed educatori”.
Il Fiuggi Family Festival si svolgerà nella settimana dal 24 al 31 luglio con un ricco programma di spettacoli e convegni. La presentazione di iCareMobile avverrà lunedì 26 luglio, nel corso del ‘Science day’ organizzato dall’Iit-Cnr proprio sul tema “Internet in famiglia”. La giornata si terrà dalle 10,30 alle 13.00 nella sala conferenze delle Terme di Bonifacio VIII con quattro interventi, oltre a Martinelli su “Internet: ma come funziona?”, parleranno Fabrizio Silvestri dell’Istituto di scienze e tecnologie dell’informazione del Cnr (Isti-Cnr) su “Social network: un mondo misterioso“, Martinelli e Gabriele Costa su “I cellulari di nuova generazione: opportunità e pericoli”, Stefania Fabbri su “I nostri ragazzi, ‘Nativi digitali’”.
“Il convegno – ha spiegato Anna Vaccarelli, ricercatore dell’Iit-Cnr – avrà l’obiettivo di illustrare alcuni aspetti tecnici di Internet in chiave divulgativa, a vantaggio di  genitori e insegnanti che spesso faticano a stare al passo coi tempi e si trovano a disagio nell’affrontare le problematiche relative alle nuove tecnologie assieme ai giovani, che, in quanto ’nativi digitali‘ sono invece ferratissimi”.