Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Navigare Sicuri” rimane una priorità, ma manca ancora la consapevolezza

“Navigare Sicuri” rimane una priorità, ma manca ancora la consapevolezza

CONDIVIDI
  • GUERINI
L’8 giugno si è concluso a Trento il tour 2012 di “Navigare Sicuri”, l’iniziativa voluta da Telecom Italia per avvicinare bambini, studenti, docenti e genitori verso un uso attento e consapevole del web: gli organizzatori – in stretta collaborazione con il Miur e avvalendosi delle consolidate competenze della Fondazione Movimento Bambino e di Save the Children – hanno ancora una volta voluto aiutare i più giovani a valorizzare le straordinarie potenzialità delle nuove tecnologie come risorsa di conoscenza e momento di socializzazione, di informazione, di crescita, evitandone il più possibile le insidie.
L’incontro conclusivo di Trento è servito anche a fare un resoconto del biennio 2010-2012, durante il quale il bus di Navigare Sicuri, allestito con 5 postazioni multimediali e una lavagna interattiva, ha percorso oltre 15.000 chilometri in Italia, toccando 40 città di 20 regioni e coinvolgendo oltre 100.000 ragazzi. Sul web il progetto è stato invece seguito da una community su Facebook di oltre 40.000 fans.
Durante la giornata sono inoltre stati commentati i risultati di una ricerca effettuata in 105 scuole di tutta Italia, dalla quale è emerso che l` adescamento di minori ( 44%) e il cyberbullismo (37%) sono i rischi più sentiti dai ragazzi e dai loro educatori. È opinione condivisa che la scuola debba avere un ruolo più determinante non solo per guidare i ragazzi, ma anche per contribuire a informare i genitori delle grandi potenzialità formative dell`uso opportuno del web. Tuttavia più della metà dei docenti intervistati (56%) ha dichiarato che il proprio istituto utilizza internet per le attività didattiche non più di una volta a settimana. Dalla ricerca emerge anche che il progetto Navigare Sicuri ha sensibilizzato i ragazzi ai temi della sicurezza in Rete: il 73% si è dichiarato più consapevole dei rischi del web grazie alla partecipazione ai laboratori. Preoccupa comunque il fatto che il 37% di loro dichiari di non avere ancora oggi sufficienti informazioni su questi temi.