Home Archivio storico 1998-2013 Generico Nel 2000 votano i bambini

Nel 2000 votano i bambini

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il progetto coinvolgerà 5 milioni di bambini tra i 3 e i 15 anni che – nel periodo dall’1 al 31 maggio – potranno esprimere un proprio voto su 4 diverse tematiche:  l’ambiente  (città/paese), la scuola, la famiglia e il tempo libero.
"L’iniziativa – spiegano i promotori – ha  lo  scopo  di  educare al senso civico e invertire la tendenza alla disaffezione al voto,  che  proprio  il  Presidente  Ciampi  indica  come  uno  dei  problemi più gravi che affliggono la nostra società".
Nelle scuole elementari e medie verranno distribuite circa cinque  milioni di schede  elettorali  perché i bambini, con l’aiuto dei loro insegnanti, possano compilarle e portarle nelle librerie e cartolerie dove saranno raccolte in apposite urne.  
La casa editrice del Battello a vapore ha realizzato anche un numero speciale della rivista "Leggendo leggendo" con suggerimenti pratici per rendere il momento di voto più coinvolgente e motivato. Bambini e ragazzi potranno dare un voto ai propri parchi-gioco, alle piste ciclabili del proprio quartiere, al cibo della mensa scolastica, ai libri di testo e alla palestra della scuola.
Nella sezione "Dai un voto agli adulti" dovranno rispondere a domande come: "Gli adulti ti ascoltano?", "Gli insegnanti ti capiscono ?", "I bidelli ti aiutano ?", "I vigili sono gentili ?", "I tuoi genitori giocano con te?"
L’ultimo parte della scheda elettorale riguarda invece il tempo libero ("Ti piace leggere?" – "Ti piace giocare con bambini non italiani?" – "Ti piacciono i videogame?" – "Ti piace (o piacerebbe) avere un animale domestico?")
Gli esiti del voto saranno elaborati dalla Doxa e verranno presentati  il  23  settembre  a Verbania durante il Premio di Narrativa  per  ragazzi  "Il Battello a Vapore – Città di Verbania".

Preparazione concorso ordinario inglese