Home Archivio storico 1998-2013 Generico Nel week end di fine settembre la campagna nazionale “Terremoto, io non...

Nel week end di fine settembre la campagna nazionale “Terremoto, io non rischio”

CONDIVIDI
  • Credion
Torna per il terzo anno consecutivo la campagna informativa nazionale per la riduzione del rischio sismico, intitolata “Terremoto, io non rischio”: sabato 28 e domenica 29 settembre saranno 3.200 i volontari della Protezione Civile a fornire informazione in tutta Italia sul rischio terremoto.
Appartenenti a 14 associazioni nazionali, allestiranno punti informativi in 215 piazze, distribuite su tutto il territorio nazionale, per sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico.
Nel 2011 la campagna è stata realizzata in via sperimentale in nove piazze di altrettanti comuni ad alto rischio sismico, mentre l’edizione 2012 ha interessato un centinaio di piazze distribuite su quasi tutte le regioni italiane.
I volontari e le volontarie, che hanno seguito durante l’anno un lavoro di formazione attraverso l’incontro con esperti e un successivo processo a cascata all’interno delle rispettive associazioni, saranno protagonisti di un percorso di diffusione della cultura di protezione civile che coinvolge nelle diverse piazze proprio le associazioni di volontariato che operano ordinariamente sul territorio, promuovendo così la cultura della prevenzione: volontari e cittadini consapevoli e attivi nella riduzione del rischio.
Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, sono disponibili le mappe interattive per conoscere la storia e la pericolosità sismica del nostro territorio e per individuare gli oltre duecento comuni interessati dalla campagna nel weekend del 28 e 29 settembre prossimi. È inoltre possibile consultare la sezione “Domande e risposte” sul rischio sismico e sulla sicurezza degli edifici, approfondimenti sul volontariato di protezione civile e scaricare i materiali informativi predisposti per la campagna.
L’iniziativa è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile e dall’Anpas-Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, in collaborazione con l’INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e con ReLuis-Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e in accordo con le regioni e i comuni interessati.