Home I lettori ci scrivono No ai quiz, i precari chiedono una sola prova orale

No ai quiz, i precari chiedono una sola prova orale

CONDIVIDI
  • Credion

Carissimi deputati e senatori del Partito Democratico,

non abbiamo dimenticato la vostra presenza-sostegno, in piazza, vicino a noi precari storici e di questo ve ne diamo atto. Ma l’emendamento presentato a firma Rosa Maria Di Giorgi, deputata del Partito Democratico, ci fa sentire ancora una volta come le persone dei quiz; il concorso a quiz specialmente per noi precari storici (età media 40-50 anni) si configura come un vero e proprio “terno al lotto”. 

Icotea

Il nuovo testo, riformulato sulla base degli emendamenti, sarà in Aula alla Camera la prossima settimana e poi dovrà passare al Senato con data massima di approvazione 24/07/2021.

Non sappiamo se potranno ancora essere apportate modifiche: ma se fosse ancora possibile chiedo, a nome di tutti i precari, di rettificare l’emendamento indicando come test una sola prova orale (una lezione da tenere sulla propria classe di concorso); per quel 30% che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, nei dieci precedenti. Saluti da un precario stanco e storico.

Grazie anticipatamente….PD non abbandonarci!

Andrea Apicella