Home Alunni Noa e un possibile esempio negativo

Noa e un possibile esempio negativo

CONDIVIDI

Noa Pothoven,  la ragazza olandese di 17 anni che dopo aver subito da bambina una violenza ha deciso di lasciarsi morire, potrebbe risultare un esempio negativo per i ragazzi, considerato che ci sono 1.500 tentativi ogni anno di suicidio e che è la seconda causa di morte tra i 15 e i 25enni, dopo gli incidenti stradali, mentre in Usa è già oggi la prima causa, per chi ha tra i 10 e i 14 anni.

Suicidi mascherati

Ma poi ci sono «comportamenti temerari» che sono in realtà suicidi mascherati: scontri e voli con il motorino, cocktail di droga e alcol, le sfide con la morte, così comuni a quell’età.

Secondo le stime Istat, ricorda Il Messaggero, ogni anno in Italia circa 500 adolescenti arrivano a togliersi la vita, il 24 per cento ci ha pensato  almeno una volta. Le ragazze, nella maggior parte dei casi, si buttano nel vuoto. I ragazzi si impiccano.

ICOTEA_19_dentro articolo

Più esposti alla depressione e agli sbalzi di umore, i ragazzi, ma anche quelli che rispondono meglio alle terapie.

CONDIVIDI