Home Attualità OTTO MARZO, auguri a tutte le insegnanti!

OTTO MARZO, auguri a tutte le insegnanti!

CONDIVIDI

Nel mondo della scuola il personale femminile è preponderante. Sono l’ 82,6% le donne insegnanti in Italia (quasi il 100% nell’’infanzia, fino al 78% nelle superiori), poco più del 61% le lavoratrici Ata. Le docenti universitarie e le ricercatrici sono il 35% del totale.

Le prospettive, però, non sono rosee: l’’investimento nello studio e nella professione non richiama parametri economici soddisfacenti né prospettive di crescita verso esperienze di carriera o progressivi guadagni. Le donne sono tante, ma esposte: alle richieste di maggior impegno, disponibilità e orari straordinari spesso ricorrono al part-time con conseguenze gravose sul loro quadro contributivo.

Icotea

Occorre lavorare ancora molto per fermare le discriminazioni e le violenze, per favorire l’occupazione femminile tutelando sempre il diritto alla maternità e favorendo l’opportunità della conciliazione dei tempi di cura della famiglia e del lavoro

L’ impegno sociale contro il femminicidio deve partire dalle scuole di ogni ordine e grado, che deve educare alla differenza di genere, e dalle Istituzioni, perché sui fondi per i centri antiviolenza si registrano ancora, come sempre, ritardi nell’erogazione delle risorse e poca trasparenza nell’assegnazione delle stesse.

Non solo a scuola, nel corso del ‘’900, le donne hanno progressivamente cambiato i costumi, le abitudini, il modo di pensare e di pensarsi, i rapporti, le leggi: ““rivoluzione gentile””, è stata definita; l’’unica nella storia senza spargimento di sangue. A che punto siamo? Parità formale o parità sostanziale?

 

A questo e a molto altro risponde il corso e-learning che la nostra Casa editrice lancia proprio oggi sulla differenza di genere, curato dalla prof.ssa Graziella Priulla, docente di Sociologia dei processi comunicativi all’Università di Catania.

Il corso è rivolto ai docenti interessati a fornire alle studentesse e agli studenti categorie concettuali, metodologie e strumenti che consentano loro di decodificare comportamenti, segnali, prassi, abitudini e modi di dire che veicolano o possono veicolare modelli identitari e di relazione stereotipati e stereotipanti, al fine di decostruirli e creare un orizzonte di senso il più libero e sereno possibile.

 

Il corso ha un costo di 70 euro, ma per tutto il mese di marzo costerà solo 50 euro.

 

 

donne_nell_istruzione_1.pdf