Home Attualità Palermo, ladri entrano di notte nel liceo “Ninni Cassarà”: danni e furti...

Palermo, ladri entrano di notte nel liceo “Ninni Cassarà”: danni e furti dai distributori di bevande. Bianchi chiama la preside

CONDIVIDI

Quali motivazioni possono portare dei ladri ad entrare in una scuola per rubare e danneggiare la struttura nata per istruire i giovani? Di sicuro, la loro azione di forza produce un forte senso di indignazione. Anche da parte delle istituzioni. Lo stesso ministro dell’Istruzione: Patrizio Bianchi non ha potuto fare a meno di chiamare al telefono la dirigente del liceo palermitano “Ninni Cassarà“, Daniela Crimi, per esprimere la vicinanza all’istituto scolastico dei vertici dell’amministrazione dopo i danni subiti nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 febbraio. Danni che si sommano a quelli prodotti negli ultimi anni a seguito di altre azioni criminose.

La telefonata del ministro alla preside Crimi

È arrivata “una telefonata del Ministro dell’Istruzione che ha partecipato la sua vicinanza al liceo, agli alunni, ai docenti e a tutto il personale per l’ennesimo atto di violenza che la scuola ha subito. Non siamo soli. Il ministro ci verrà a trovare presto“, hanno scritto sulla sezione Facebook del liceo linguistico situato in via Don Orione del capoluogo siciliano.

Icotea

Nel corso degli ultimi anni, l’istituto superiore “Ninni Cassarà” è stato al centro di diversi furti e danneggiamenti.

Danni e furti

L’ultima è quella di un paio di notti fa, quando dei ladri sono entrati scavalcando la pensilina del primo piano, in corrispondenza della scala laterale, staccando dal muro una grata: una volta dentro la scuola, i ladri hanno danneggiato i distributori di bevande e merende rubando il denaro all’interno.

La Polizia sta indagando per l’accaduto: sotto osservazione, in particolare, sono le immagini di video-sorveglianza.

“La scuola non si tocca”

“Non ci stancheremo mai di denunciare. La scuola non si tocca” aveva su Facebook la preside della scuola Daniela Crimi. Ora, a sostenere lei e tutti coloro che hanno a cuore l’istituto scolastico c’è anche il ministro dell’Istruzione.

“Il liceo Cassarà è presidio di cittadinanza che va tutelato e valorizzato da parte delle istituzioni, la cui presenza va fatta sentire concretamente anche nel territorio in cui insiste la scuola”, aveva detto Valentina Chinnici, capogruppo al Comune di Avanti Insieme. 

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook