Home Archivio storico 1998-2013 Precari Parzialmente risolto il mancato stipendio ai supplenti

Parzialmente risolto il mancato stipendio ai supplenti

CONDIVIDI
  • Credion

A creare il caos dei mancati pagamenti sarebbe stato, come dichiara la Flc-Cgil, il nuovo sistema di pagamento delle supplenze tramite NOI PA “che sta creando problemi e ritardi sia per l’esigua somma messa nel capitolo pagamento supplenze sia per la macchinosità dell’inserimento dei dati: le funzioni sono aperte solo in alcune ore di alcuni giorni e questo contribuisce al ritardo (almeno 2 mesi) nel pagamento”.
“E’ necessario rapidamente risolvere tutte le criticità che non hanno permesso il pagamento degli stipendi a tutti i supplenti”, ha detto il segretario generale della Flc Cgil, Pantaleo, “il sistema informatico è andato subito in tilt, e poi c’è la questione dei fondi stanziati per le supplenze, troppo pochi”.
Senza contare, fanno notare dal sindacato, “che il nuovo sistema è partito proprio nel periodo del picco dell’influenza, quando c’è una mancanza cronica di insegnanti e il maggior bisogno di supplenti”. L’argomento è stato oggetto di una riunione al Miur con gli altri sindacati lo scorso 27 febbraio, ma non è stato risolutivo: “L’Amministrazione si è avventurata in una spiegazione che non ha convinto nessuno”, scrive la Flc Cgil nel report dell’incontro, “i ritardi deriverebbero dal fatto che circa 1.000 scuole su 9.000 nel corso del 2012 hanno sbagliato nel calcolare il fabbisogno supplenze caricando il lordo stato sul lordo dipendente; questo ha fatto sì che queste scuole si vedessero attribuire somme superiori al loro fabbisogno con conseguente sfasamento del capitolo. A tali scuole sarà inviata una mail per correggere i dati”.
Nel prossimo mese dovrebbero comunque essere pagati novembre, dicembre, tredicesima e gennaio 2013. Per le scuole che hanno già esaurito la quota loro assegnata per supplenze per il 2013, tale quota sarà integrata ogni mese. La riunione è stata aggiornata al 13 marzo.