Home Estero Per battere il razzismo anche un mazzo di carte

Per battere il razzismo anche un mazzo di carte

CONDIVIDI

Superare i pregiudizi che possiamo avere nei confronti di chi viene da un altro paese, ha un’età o un vissuto diverso dal nostro giocando. Questa è l’idea di fondo di “Più di una storia”, il gioco di carte inventato a Simrishamn, un piccolo comune svedese, che ha vinto il premio per l’innovazione democratica del Consiglio d’Europa, il riconoscimento conferito al miglior progetto presentato durante il Forum della Democrazia.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

Icotea

{loadposition bonus}

“I nostri pregiudizi, le nostre paure nascono dal fatto che conosciamo molto poco degli altri e che spesso la nostra conoscenza si riduce a un’unica storia e che questo è pericoloso” spiega Seth Selleck uno degli ideatori del gioco. “Più di una storia è una soluzione pratica per incrementare l’integrazione, la comprensione, una curiosità sana e i rispetto tra le persone” afferma Selleck.

Il gioco è molto semplice e si basa sull’idea che praticamente nessuno può resistere a una partita a carte. Su ogni carta c’è una domanda, “qual’é l’ultimo viaggio che hai fatto?”, “qual é il libro o il film che ti hanno più ispirato?” e cosi via. A turno i giocatori prendono una carta e rispondono. Gli ideatori del gioco, già tradotto in oltre 20 lingue, assicurano che il metodo è efficacissimo e che può essere utilizzato in qualsiasi contesto, una classe, un posto di lavoro, un centro sociale, in contesti di post conflitto, anche durante trasmissioni televisive o radiofoniche. (Ansa)