Home Alunni Per invertire la tendenza più soldi ai docenti e ridurre gli allievi...

Per invertire la tendenza più soldi ai docenti e ridurre gli allievi per classe

CONDIVIDI
  • Credion

I dati Ocse sulle basse competenze e l’alto numero di giovani che non studiano e non lavorano, vengono reputati dall’Anief “doppiamente allarmanti. Prima di tutto perché rappresentano un dato oggettivo di quanto sia decaduto il nostro sistema d’istruzione a seguito delle politiche dei tagli ad oltranza imposti negli ultimi setto-otto anni, sia rispetto al numero di scuole, sia al numero di ore di lezioni settimanali, sia in riferimento alla cancellazione di oltre 200mila posti tra personale docente e Ata. In secondo luogo, l’allarme si acuisce dal momento che la riforma su cui Governo e maggioranza parlamentare stanno puntando non condurrà ad alcun cambio di marcia”.

Secondo il sindacato, “per migliorare i risultati scolastici e ridurre gli abbandoni dei banchi non ci sono ricette miracolose, ma dei provvedimenti di buon senso: oltre che riportare gli organici a livelli delle riforme pre-Gelmini, il nostro Esecutivo farebbe bene a leggersi i risultati di una autorevole ricerca scientifica di Peter Dolton, docente di Economia presso l’Università del Sussexe ricercatore presso la London School of Economics, Oscar Marcenaro-Gutiérrez, professore dell’università di Malaga, e Adam Still esperto di Gems Education solutions: in una recente ricerca, i tre esperti di formazione sono giunti alla conclusione che occorre pagare meglio i docenti e contemporaneamente ridurre il numero di allievi per classe”.

Icotea

“Dolton e i suoi compagni d’avventura – ha scritto ‘La Repubblica’ – hanno scomodato la statistica per incrociare i dati della spesa per l’istruzione di 30 paesi Ocse con le performance nel Pisa dei rispettivi quindicenni”.  Ora, “la scheda di approfondimento stilata per l’Italia suggerisce di intraprendere due strade per aumentare l’efficienza del nostro sistema educativo: aumentare del 10,5 per cento le retribuzioni degli insegnanti e ridurre l’affollamento delle classi di un quarto. Finora, gli “esperti” italiani ci hanno sempre detto che abbiamo troppi insegnanti e che le nostre classi hanno pochi alunni. E i governi si sono affannati a tagliare cattedre e stipendidi maestri e prof e a riempire, anche oltre le norme attuali, le classi di alunni. Ma, stando alla prima statistica ufficiale che prende in esame l’intero mondo complesso della scuola, è tutto il contrario. Il nostro sistema pubblico di istruzione fa fatica a produrre risultati apprezzabili perché i docenti sono pagati poco e perché le classi sono sovraffollate di alunni. Motivo per il quale la dispersione scolastica, specialmente in alcuni ambiti, è alle stelle”.

 

{loadposition eb-territorio}

 

“Quella ricerca – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief, segretario organizzativo Confedir e neo eletto segretario Confederale Cisal – ha confermato quanto sosteniamo da tempo: se l’Italia vuole farla finita di perdere per strada 2 milioni e 900mila giovani delle superiori, come è accaduto negli ultimi quindici anni, occorre incentivare i lavoratori della scuola, docenti e Ata, in due modi: dare loro stipendi dignitosi, iniziando a riportarli almeno al costo della vita, e metterli nelle condizioni di lavorare meglio, riducendo il numero di alunni cui devono indirizzare il loro insegnamento”.

“Per quanto riguarda gli abbandoni scolastici e il numero di Neet da record – continua Pacifico –, riteniamo plausibile anticipare il percorso formativo di un anno e, nel contempo, estendere l’obbligo formativo a 18 anni, come saggiamente tentò di fare nel 1999 l’allora ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer. Se a questo aggiungiamo l’utilizzo di fondi ulteriori, nazionali e europei, finalizzati a migliorare l’orientamento scolastico, e la maggiorazione di quote di organico di personale da destinare proprio nelle aree più a rischio dispersione, assieme ad una vera riforma dell’alternanza scuola-lavoro, possiamo seriamente pensare di avvicinare quel 10 per cento di dispersione indicato dall’Ue all’inizio del nuovo millennio come soglia massima – conclude il sindacalista – per un paese che si reputa moderno e avanzato”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola