Home Archivio storico 1998-2013 Generico Piano operativo per la “scuola digitale”

Piano operativo per la “scuola digitale”

CONDIVIDI
  • Credion
Il piano operativo che intende favorire la diffusione delle tecnologie digitali nell’insegnamento, ad integrazione degli strumenti didattici già esistenti e consolidati, si avvale del progetto per la diffusione delle lavagne interattive multimediali (Lim) nelle scuole medie statali.
Come spiega la nota prot. 1726 del 10 dicembre scorso del Ministero dell’istruzione, il progetto si prefigge di integrare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nella didattica in classe fornendo alle scuole un set di dotazioni tecnologiche composto da lavagna interattiva, proiettore integrato, personal computer, contenuti didattici digitali. E’ anche prevista la formazione – curata dall’Ansas (Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica) – dei docenti che dovranno utilizzarle.
Dal 15 dicembre 2008 al 20 dicembre 2008 è in programma un’azione di sensibilizzazione diretta ai dirigenti scolastici delle scuole secondarie di I grado attraverso incontri condotti da esperti dell’Ansas che illustreranno le peculiarità della Lim per agevolare l’apprendimento e le misure per favorirne un inserimento efficace in classe.
Per partecipare al progetto le scuole interessate dovranno compilare, entro il 12 gennaio, un formulario on-line, accessibile sul sito
www.scuola-digitale.it/lavagna/ , in cui alla scuola sarà richiesto di individuare una classe dove installare la lavagna e di indicare almeno tre docenti del consiglio di classe che si impegnino a partecipare alla formazione.
Gli istituti scolastici che avranno presentato richiesta tramite compilazione del formulario riceveranno la dotazione tecnologica.
A partire dalla seconda metà di gennaio sarà avviata, con modalità che il Miur comunicherà successivamente, la seconda fase del piano, che consentirà alle scuole di incrementare ulteriormente la disponibilità di dotazioni tecnologiche per le classi e di opportunità formative per i docenti.