Home Archivio storico 1998-2013 Generico Preiscrizioni universitarie

Preiscrizioni universitarie

CONDIVIDI
  • GUERINI

Le preiscrizioni universitarie potranno essere effettuate sino al prossimo 15 marzo, utilizzando l’apposito modulo riportato nel sito internet http://universo.miur.it (cliccabile da "Ulteriori approfondimenti"). La compilazione della scheda telematica consente di conoscere gli orientamenti degli studenti una volta completato il percorso scolastico. Agli alunni delle ultime classi delle scuole di istruzione secondaria di II grado viene infatti richiesto, subito dopo l’inserimento dei dati personali e di quelli relativi all’istituto scolastico frequentato, se hanno intenzione di iscriversi all’Università, se sono interessati a proseguire gli studi attraverso altri percorsi formativi (ad esempio, Accademie di Belle Arti, Conservatori di Musica, Istituti superiori per le industrie artistiche, corsi Ifts) oppure se pensano ad un immediato inserimento nel mondo del lavoro dopo il conseguimento del diploma scolastico.
Per offrire agli studenti adeguate informazioni su corsi di studio e servizi disponibili, dall’home-page di "UNIverso" si può direttamente accedere ai siti web delle Università, per molte delle quali sono inseriti anche i link alle pagine dedicate all’orientamento per la scelta del corso. Sul sito internet www.miur.it è riportata una banca dati dell’offerta formativa degli Atenei: la sua consultazione può agevolare una scelta più consapevole dei percorsi di studio.

Inoltre, il sito "UNIverso" fornisce informazioni relative ad Accademie e Conservatori, nell’ambito dell’Alta formazione artistica e musicale, nonché indicazioni per cercare notizie sui percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore all’interno della banca dati del sito internet Ifts.
Dopo l’inserimento dei dati personali e di quelli della scuola di appartenenza, gli alunni possono individuare il corso di laurea preferito (in caso di indecisione se ne possono indicare tre, in ordine di priorità) attraverso un breve percorso che può puntare direttamente sulle classi delle lauree e sulle sedi universitarie oppure essere maggiormente articolato partendo dalla scelta delle "aree didattiche-culturali" (Sanitaria, Scientifica, Sociale, Umanistica).

Nella parte finale del modulo è possibile segnalare se si è interessati a ricevere informazioni sulle borse di studio per studenti capaci, meritevoli e privi di mezzi. Inoltre, viene chiesto agli alunni disabili se hanno necessità di ausili personalizzati.

Le opzioni espresse dagli alunni nella scheda telematica non sono comunque vincolanti, in quanto l’iscrizione andrà effettuata dopo il superamento degli esami conclusivi di Stato e sarà possibile modificare la scelta del corso di studi segnalato al momento della preiscrizione.

Al modulo telematico (per la compilazione del quale anche quest’anno è stato predisposto un sistema di lettura per gli alunni non vedenti) fa seguito un questionario che gli studenti possono compilare per motivare le scelte ed evidenziare quali attività ritengono più utili per verificarle. Il questionario consente ai ragazzi anche di esprimere cosa si attendono dall’esperienza universitaria e quali sono, secondo loro, le differenze sostanziali fra studiare a scuola e all’Università..
Il sistema delle prescrizioni è stato introdotto dal decreto Murst n. 245/97 (concernente il "Regolamento recante norme in materia di accessi all’istruzione universitaria e di connesse attività di orientamento") sia per consentire agli Atenei di programmare e migliorare la propria offerta organizzativa e didattica anche in base al numero delle preventivate iscrizioni ai vari corsi di studio nel successivo anno accademico, sia per pianificare attività funzionali alla verifica delle opzioni espresse dagli studenti delle classi terminali delle scuole superiori.

Il decreto ministeriale 1 febbraio 2005 che definisce le modalità delle prescrizioni ai corsi dell’anno accademico 2005/2006 è riportato in "Ulteriori approfondimenti".
Il Miur, con successivo decreto del 3 marzo 2005, ha apportato alcune modifiche al D.M. dell’1 febbraio scorso. In particolare, l’art. 1 viene così modificato: al penultimo periodo del comma 3 sono soppresse le parole "e la necessità di ausilii personalizzati, in caso di situazioni di handicap"; inoltre, l’ultimo periodo del comma 3 è soppresso.