Home Archivio storico 1998-2013 Generico Prorogate al 20 dicembre le preiscrizioni all’Università

Prorogate al 20 dicembre le preiscrizioni all’Università

CONDIVIDI
  • Credion

Seguendo le modalità riportate nel Decreto 13 ottobre 2000 del Murst (Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica), gli alunni che sono iscritti alla classe conclusiva delle scuole di istruzione secondaria di II grado possono preiscriversi ad un corso universitario, ferma restando la possibilità di cambiare la scelta al momento della successiva iscrizione all’Università.
Coloro che sono interessati all’accesso agli studi universitari per l’anno accademico 2001/2002 hanno l’opportunità di effettuare la preiscrizione entro il 20 dicembre 2000, utilizzando un apposito modulo disponibile nel sito web del Ministero dell’Università
http://universo.murst.it, da compilare, anche avvalendosi dell’ausilio degli insegnanti, da postazioni disponibili presso la propria scuola oppure da qualunque altro computer collegato con internet. E’ stato anche predisposto un sito parallelo per le persone non vedenti, al quale si può accedere dalla pagina d’ingresso del web ministeriale.
Dopo una prima parte di carattere generale, in cui tra l’altro viene richiesto all’alunno se ha intenzione di iscriversi ad un corso universitario e in caso contrario se è interessato a proseguire comunque gli studi attraverso altri percorsi formativi oppure se pensa ad un immediato inserimento nel mondo del lavoro una volta conseguito il diploma, il modulo contiene la scheda in cui gli studenti che optano per gli studi universitari potranno specificare l’area didattico-culturale prescelta (tra le cinque definite dal D.Murst del 23 aprile 1998: Sanitaria, Scientifica e Scientifico-Tecnologica, Umanistica, dell’Ingegneria e dell’Architettura, Giuridico-Politico-Economica) e la sede universitaria presso la quale si intende effettuare la preiscrizione (tre le opzioni possibili, in ordine di priorità). Quest’anno, l’individuazione dei singoli corsi di laurea può presentare qualche difficoltà in considerazione della riforma universitaria in atto, attraverso la quale viene "ristrutturato" il futuro assetto dei corsi all’interno delle nuove classi di laurea. Lo strumento delle preiscrizioni, comunque, intende proprio garantire un’adeguata informazione agli studenti: infatti, attraverso il sito web del Murst è possibile accedere a quelli degli Atenei, per entrare in contatto con le varie sedi e avere informazioni riguardo ai corsi.

Tra le varie indicazioni da riportare nella scheda telematica, quelle relative alla scuola di provenienza e all’eventuale interesse, da parte dello studente, a beneficiare della borsa di studio universitaria, se presume di avere i requisiti richiesti, che naturalmente andranno poi verificati, e di altri interventi nel campo del diritto allo studio, compresi gli aiuti personalizzati per gli studenti in situazione di handicap. Completata la parte che riguarda la preiscrizione, si chiede ai ragazzi se vogliono proseguire compilando un questionario attraverso il quale motivare le scelte e fornire altre indicazioni, concernenti, ad esempio, gli eventuali problemi e timori per le formalità burocratiche da assolvere o legati all’impatto con il mondo universitario.

Entro il successivo 20 gennaio, il Murst predisporrà un’apposita banca dati relativa ai moduli compilati e ne consentirà l’accesso telematico alle università, alle scuole pubbliche collegate "in rete" e ai Provveditorati nel caso di alunni provenienti da scuole private. Tenendo conto dei dati acquisiti, scuole ed università avranno il compito di promuovere le attività di orientamento previste nelle direttive, una per la scuola secondaria e l’altra per l’Università, trasmesse con la C.M. 488 del 6 agosto 1997, in attuazione di quanto già indicato nel Decreto Murst 245/97 concernente il "Regolamento recante norme in materia di accessi all’istruzione universitaria e di connesse attività di orientamento".

Il sistema delle preiscrizioni, in effetti, è stato adottato da una parte per consentire agli Atenei di programmare e migliorare la propria offerta organizzativa e didattica, dall’altra per pianificare attività funzionali a verificare, prima della scelta definitiva che si concretizza al momento dell’iscrizione universitaria, se le opzioni espresse dagli alunni sono in sintonia con le loro effettive attitudini ed aspettative. Gli interventi da predisporre saranno pertanto mirati a far acquisire agli studenti la conoscenza degli obiettivi formativi specifici e dei contenuti del corso di studio universitario che gli stessi allievi intendono frequentare nel prossimo anno accademico.