Home I lettori ci scrivono Puntiamo ad una dad al 100% per tutti

Puntiamo ad una dad al 100% per tutti

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono Bullo Marco, scrivo queste considerazioni prima di tutto come genitore e in seconda battuta come insegnante. Vivendo dentro la scuola era evidente si trattasse di una bomba ad orologeria, studenti ad un metro di distanza senza mascherina che chiacchieravano, si giravano, appoggiavano le mascherine sul banco, cadevano e le indossavano nuovamente.

Tutti senza mascherina a mangiare e bere in mensa o in classe. Poi inevitabilmente sono arrivati i casi e tanti a differenza di quello che si dice, pensate che in 10 giorni ho dovuto fare 3 tamponi per contatti con studenti positivi.

Ogni giorno quando porto mio figlio a scuola sono terrorizzato, perché non so cosa ci succederà e come me tanti altri genitori. Uno studente contagiato, diffonde il virus in famiglia, padre, madre, fratelli, nonni e relativi contatti, forse i vari governatori non si rendono conto della tragedia umana che stanno alimentando, si dovranno portare nelle loro coscienze tante morti che potevano benissimo essere evitate.

ICOTEA_19_dentro articolo

Basta puntare per questo periodo ad una didattica digitale al 100% per tutti gli ordini di scuola, prevedendo dei bonus per le famiglie con figli a casa. Gli studenti non rimarrebbero indietro e nemmeno potrebbero andare in giro perché impegnati nella didattica digitale secondo l’orario previsto.

Fare didattica in presenza e a distanza è ovvio non è la stessa cosa, però teniamo presente che ha anche dei vantaggi, ci hanno fatto fare decine e decine di corsi che esaltavano una didattica multimediale innovativa e ora che vi è la necessità la si boccia per la solita didattica in presenza.

Tante scuole dall’esperienza dello scorso anno si sono preparate e potrebbero offrire un ottimo servizio educativo innovativo e sicuro per tutti. Ma uno zoccolo duro pensa ancora che la didattica digitale sia nociva per gli studenti, dimenticando che sono nativi digitali e anzi hanno la possibilità di essere guidati ad un uso proficuo e consapevole delle nuove tecnologie.

Sfruttiamo le nuove tecnologie e riduciamo i contagi passiamo ad una dad per ogni ordine di scuola al 100%. Si parla tanto ora di educazione civica e  questo passaggio studiare a distanza per favorire la salute di tutti potrebbe essere proprio il primo insegnamento civico che possiamo dare ai nostri studenti.

Marco Bullo

Preparazione concorso ordinario inglese