Home Attualità Quarantena scuola, cosa cambia se il positivo è il docente e non...

Quarantena scuola, cosa cambia se il positivo è il docente e non l’alunno – TABELLE

CONDIVIDI

Le nuove regole sulla quarantena differenziano anche la procedura sulla base del fatto che sia un insegnante o altro membro del personale scolastico ad essere positivo rispetto ad un alunno. Ecco le tabelle che chiariscono questo aspetto.

SCARICA LA CIRCOLARE

Le procedure differenziate riguardano soprattutto la scuola dell’infanzia, dove i bambini non possono essere vaccinati.

Icotea

Scuola infanzia

Nella scuola 0-6 anni, in presenza di un caso positivo tra i bambini, laddove per gli alunni la quarantena indicata è di 10 giorni, nel caso dei docenti si indica una quarantena differenziata, di 7 giorni per i vaccinati e di 10 per i non vaccinati. La valutazione del singolo caso è comunque in carico al DdP (tempo di permanenza nella sezione/gruppo/stanza, contatto diretto con il caso positivo, etc.).

Sempre nella scuola 0-6, se il positivo è l’insegnante, si agisce come segue:

Se i docenti sono vaccinati/negativizzati negli ultimi 6 mesi, si prevede sorveglianza con testing e rientro a scuola dopo risultato del test negativo.


Gli altri educatori/insegnanti vaccinati/negativizzati negli ultimi 6 mesi se hanno rispettato le misure di prevenzione incluso l’uso delle protezioni respiratorie, in presenza di un singolo caso nella sezione, non sono
soggetti a quarantena salvo diversa valutazione del DdP. In presenza di uno o più casi positivi tra il personale scolastico oltre al caso indice, si dispone la quarantena per tutti gli educatori/insegnanti che hanno svolto attività in compresenza al caso indice.

Gli alunni sono sottoposti a quarantena di 10 giorni. Ad ogni modo la valutazione del singolo caso è comunque in carico al DdP (tempo di permanenza nella classe, contatto diretto con il caso positivo, etc.).