Home I lettori ci scrivono Quei genitori che veicolano “gratuite” calunnie diffamanti ai danni dei docenti

Quei genitori che veicolano “gratuite” calunnie diffamanti ai danni dei docenti

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sovente (ed in crescendo) è noto che a causa di una comunicazione disordinata, virtuale, liquida e liquidata nonché di (alcuni) genitori narcisisti, nella Scuola Pubblica si catalizzano vari conflitti e spesso episodi violativi di svariate Norme, Diritti e Doveri.

Ci si riferisce a quei genitori che non desiderano per i loro figli un’ Autorevole disciplina educativa dalla quale possano trarre in-Segnamenti esistenziali; che non desiderano  abituare gradualmente i giovani agli sforzi educativi, preferendo che i ragazzi nelle scuole vengano “intrattenuti” più a mò di Baby Sitter piuttosto che da Docenti liberi di in-Segnare come previsto dall’ art. 33 della vigente Costituzione.

Fino a circa 30 anni fa, i ragazzi che tornavano a casa con un’insufficienza erano certi di essere ammoniti, quelli di oggi fanno Leva sul fatto che (qualche)  mamma e/o papà  riverserà la personalistica e diseducativa presunzione ai danni dei docenti, “colpevoli” di aver sminuito la loro “dotta ignoranza 2.0”.

ICOTEA_19_dentro articolo

La percezione della depauperata autorevolezza dell’ Istituzione scolastica consente a (quei) genitori che hanno già di per sé una familiarità con un’interazione aggressiva o pettegola, di considerare il rapporto con la Scuola come un confronto via Social o come nei Talk Show TeleVisivi in cui se c’è un pur minimale segnale non gradito dall’ “Utente divenuto un Cliente” si è autorizzati ad attaccare in “gruppetti a mò di WhatsApp”,  giacchè “il Cliente ha sempre Ragione”.

Rinunciando alla ragionevolezza e al rispetto dovuto ai docenti che restano dei PUBBLICI UFFICIALI, alcuni genitori non si accorgono di distruggere un bene prezioso, che invece è insito nel sano processo educativo e cioè che qualunque sia il contrasto c’è sempre la possibilità di arrivare ad una soluzione in modo dialettico e costruttivo.

Invece, il genitore che pratica con disinvoltura un atteggiamento aggressivo verso vari Docenti dell’istituzione scolastica si ritrova “il Tifo” di un figlio che ha capito che l’aggressività è la forma vincente di interazione sociale. Qualcosa che “contagia come i Virus” e che si ritorce Contro lo stesso genitore e Contro l’intera Comunità educante.

Laddove, poi, (e il passo è breve) si passa a SCRITTI dal contenuto fasullo, “gratuito”, artato, calunnioso e diffamatorio, si va a LEDERE la Professionalità (e/o la SALUTE) del Corpo Docente e ciò diventa oggetto di denuncia presso i preposti  organi del caso.

I Docenti che negli ultimi anni vengono LESI da cotali “SCRITTI” sono in Aumento.

Peraltro il datore di Lavoro ha il diritto e l’obbligo di Tutelare i propri dipendenti, di evitare che possano verificarsi condotte anche protratte nel tempo e consistenti nel compimento di una pluralità di atti (giuridici o meramente materiali, ed, eventualmente, anche leciti) diretti a condotte LESIVE, alla caduta d’ immagine o all’ emarginazione del Docente, di cui viene lesa (in violazione dell’obbligo di Sicurezza posto a carico dello stesso datore di Lavoro dall’art. 2087 c.c.) la sfera professionale o personale, intesa nella pluralità delle sue espressioni (morale, psicologica o fisica).

E il datore di lavoro non può neanche rimanere inerte nella rimozione del fatto lesivo, dovendosi escludere la sufficienza di un mero (e tardivo) intervento pacificatore, non seguito da concrete misure e da vigilanza.

La soluzione sta nel Rispetto che deve riaffermarsi nei confronti del Docente, cioè di un PUBBLICO UFFICIALE che fornisce un servizio sotteso a soddisfare un’ Utenza Scolastica Pubblica e NON una Clientela di un Centro commerciale e/o dell’ e-commerce.

Seppure la questione si riverbera nella società del “Bel Paese”, ove tutto è consentito, dove ogni senso di rispetto viene azzerato, e la Fonte di tale “Fenomenologia” è stata la devastazione a cui si è lasciata sottoporre la  Scuola Pubblica che ha smarrito ogni autorevolezza, e la mancanza di autorevolezza è “rimbalzata” contro un imbelle Corpo docente, poichè quella della professione Docente non è più una figura considerata autorevole dalla Società (e dalla Politica governativa) italiana degli ultimi 30 anni.

Vincenzo Rossi

Preparazione concorso ordinario inglese