Home Attualità Report: tra banchi, mascherine e spazi, i presidi si districano nell’era del...

Report: tra banchi, mascherine e spazi, i presidi si districano nell’era del Covid

CONDIVIDI
  • Credion

La recente puntata di ‘Report’ su Rai 3, si è occupata di alcuni aspetti del Covid legato alla scuola. In particolare la vicenda dei banchi a rotelle, ma anche quello del ritorno in presenza tra classi pollaio e mascherine non a norma.

Nella prima parte il programma ha ripercorso tutte le tappe della vicenda dei banchi a rotelle, poi sostituiti dai banchi monoposto Nautilus consegnati e poi ritirati perché ritenuti facilmente infiammabili. Il tutto dopo aver effettuato il collaudo e aver ricevuto l’ok di alcuni presidi (in certi casi pentiti). Da qui poi il contenzioso nato con la società portoghese che ha chiesto 10 milioni di euro e afferma di aver consegnato 75mila banchi, mentre la struttura commissariale dell’allora capo Domenico Arcuri sostiene di averne ricevuti la metà (37.225).

Icotea

Su questa vicenda ‘Report’ ha intervistato il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi:  

Se sono migliaia non lo so, so sicuramente che sono stati restituiti e sono quei banchi da cui il commissario Figliuolo ha cominciato la restituzione. Il commissario precedente ha cominciato a ritirarli, vedremo come utilizzarli al meglio. Sei milioni sono stati stanziati per far fronte a questo contenzioso con la Nautilus, non potevamo lasciare i nostri presidi in difficoltà. La Nautilus chiede 10 milioni di euro? Noi altrettanto ne chiediamo a loro, per questo c’è un contenzioso“.  

Spazi, sicurezza e mascherine

Nella seconda parte della trasmissione si è invece affrontato il tema degli spazi e della sicurezza nelle scuole con alcune testimonianze di presidi che hanno dovuto ricavare aule in posti impensabili (biblioteche, laboratori) per poter tornare in presenza e altri che lamentano l’affollamento degli studenti nelle aule (le cosiddette classi pollaio). In tutto questo ci sono anche intere scatole di mascherine non a norma accatastate negli scantinati degli istituti e non facilmente smaltibili.