Home Politica scolastica Riapertura scuole. L’ordine degli psicologi Toscana: non si torni in DaD

Riapertura scuole. L’ordine degli psicologi Toscana: non si torni in DaD

CONDIVIDI
  • Credion

 “La scuola riapra e rimanga aperta: non si risolve l’emergenza sanitaria chiudendo le aule e recludendo bambini e ragazzi in casa”. L’appello arriva dall’Ordine degli Psicologi della Toscana: nessun rinvio alla ripresa delle lezioni in presenza. 

La parola d’ordine (anzi la frase) è: Non più sulla pelle di bambini, giovani e famiglie.

Icotea

“La chiusura della scuola, con l’isolamento e l’impoverimento relazionale conseguenti, ha prodotto disagi psicologici importanti”.

 La presidente Maria Antonietta Gulino ci ricorda infatti che già lo scorso anno sono aumentati tra i giovani e i giovanissimi episodi di:

  • autolesionismo,
  • disturbi del comportamento alimentare,
  • fobie sociali,
  • problematiche relazionali,
  • disturbi ansiosi e depressivi.

Numeri che tendono a crescere, come abbiamo compreso anche nel corso della diretta della Tecnica della Scuola sul fenomeno dell’Hikikomori, che si concretizza nell’isolamento e nel ritiro sociale.

“Dobbiamo fare di tutto per non tornare alla didattica a distanza – continua la presidente Gulino -, la conoscenza e la crescita dipendono dall’incontro e dal confronto, dalle relazioni con gli altri, che sono altamente compromesse davanti a uno schermo”.

“Ai bambini viene a mancare il gioco con gli amici, il confronto e lo scontro costruttivo con gli altri, elementi che servono a fare quelle esperienze necessarie per creare i fondamenti della personalità. In particolare per gli adolescenti, è un periodo della vita in cui è importante stare con i coetanei e differenziarsi dai genitori: togliere loro le relazioni con i compagni, con il gruppo classe, con gli insegnanti, significa mutilarli e rallentare duramente il loro percorso di crescita. Sono stati come leoni in gabbia, hanno sacrificato a lungo la loro attitudine emotiva e relazionale, disattivarli ancora vuol dire non rispettare il loro percorso di vita e sottoporli ad uno stress psicologico non più sostenibile”.

Quindi “dobbiamo incoraggiare l’apertura delle scuole, garantendone la sicurezza” conclude Gulino.

Sul tema del disagio psicologico, ricordiamo che nella legge di Bilancio sono previsti 20 milioni di euro per lo psicologo a scuola, per supportare il personale delle istituzioni scolastiche, gli studenti e le famiglie attraverso servizi di supporto psicologico per la prevenzione e per il trattamento dei disagi e delle conseguenze sociali derivanti dall’emergenza epidemiologica.