Home Attualità Rientro a scuola: le linee guida dei pediatri americani

Rientro a scuola: le linee guida dei pediatri americani

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’America Academy of Pediatrics – AAP – ha rilasciato in questi giorni un documento, per dare delle Linee Guida per il rientro a scuola, partendo da un punto di vista clinico. Si tratta della revisione di una versione aggiornata alla luce di quanto, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo sta evolvendo. Lo scopo di questa revisione è quello di continuare a sostenere le comunità, la leadership locale nel campo dell’istruzione e della salute pubblica e i pediatri che collaborano con le scuole nella creazione di politiche per il rientro nelle scuole durante la pandemia per promuovere la salute generale di bambini, adolescenti, educatori, personale e comunità.

Le scuole e i programmi di sostegno scolastico sono fondamentali per lo sviluppo e il benessere di bambini e adolescenti: forniscono un’istruzione accademica, sia di persona che virtuale; abilità sociali ed emotive; sicurezza; nutrizione affidabile; servizi di salute fisica e psicologica; e opportunità per l’attività fisica. Le scuole fungono anche da centri critici nelle comunità, sostenendo attività rivolte agli adulti (formazione professionale, incontri di quartiere, lezioni per i genitori), oltre a garantire posti sicuri per bambini e adolescenti mentre i genitori o i tutori lavorano, il che a sua volta sostiene l’economia locale.  (…) Le scuole svolgono un ruolo fondamentale nell’affrontare le disuguaglianze razziali e sociali: è fondamentale riflettere sull’impatto differenziale che la pandemia COVID-19 e le chiusure delle scuole hanno avuto sui diversi gruppi razziali ed etnici e sulle popolazioni vulnerabili. (….) Le disparità nei finanziamenti scolastici, nella qualità delle strutture scolastiche, nel personale educativo e nelle risorse per l’arricchimento dei programmi scolastici sono state esacerbate dalla pandemia.

Questo è quanto dichiarano i pediatri statunitensi nell’introduzione alle linee guida e, dopo aver declinato per ogni tipologia di scuola e grado le misure specifiche, danno alcune indicazioni, che richiamano quelle che a livello globale stanno diventano ormai universali principi per poter convivere con il virus.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il punto di vista dei pediatri

In sintesi i pediatri statunitensi sostengono che:

  • Le politiche scolastiche devono essere flessibili e agili nel rispondere alle nuove informazioni e gli amministratori devono essere disposti a perfezionare gli approcci quando le politiche specifiche non funzionano. 
  • Le scuole devono adottare un approccio a più livelli per proteggere gli studenti, gli insegnanti e il personale.
  • È di fondamentale importanza sviluppare strategie che possano essere riviste e adattate a seconda del livello di trasmissione virale e del tasso di positività dei test, riconoscendo le differenze tra i distretti scolastici, compresi i distretti urbani, suburbani e rurali.
  • Dovrebbero essere fatte speciali considerazioni e adattamenti per tener conto della diversità dei giovani, specialmente per le popolazioni vulnerabili, incluse quelle che sono fragili o complesse dal punto di vista medico, che vivono in condizioni di povertà, che hanno problemi di sviluppo o che sono disabili: questi giovani e le loro famiglie dovrebbero lavorare a stretto contatto con il loro pediatra utilizzando un approccio decisionale condiviso per quanto riguarda il ritorno a scuola.
  • I pediatri, le famiglie e le scuole dovrebbero collaborare insieme per identificare e sviluppare, in collaborazione, alloggi per qualsiasi bambino o adolescente con esigenze mediche uniche.
  • I bambini e gli adolescenti che hanno bisogno di considerazioni personalizzate non dovrebbero essere automaticamente esclusi dalla scuola, a meno che non sia necessario per aderire ai mandati di salute pubblica locali o perché le loro esigenze mediche uniche li metterebbero a rischio di contrarre il COVID-19 nella loro comunità.
  • Le politiche scolastiche dovrebbero essere guidate dal sostegno alla salute e al benessere generale di tutti i bambini, gli adolescenti, le loro famiglie e le loro comunità, ma dovrebbero anche cercare di creare ambienti di lavoro sicuri per gli educatori e il personale scolastico.
  • Queste politiche dovrebbero essere comunicate in modo coerente in lingue diverse dall’inglese, se necessario, sulla base delle lingue parlate nella comunità, per evitare l’emarginazione dei genitori/tutori che hanno una conoscenza limitata dell’inglese o che non parlano affatto l’inglese.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese