Rientro a scuola: molta confusione, con le Regioni in libera uscita [VIDEO]

CONDIVIDI

La situazione attuale è molto confusa, ed è ormai guerra di tutti contro tutti tanto che le regole che il Governo aveva concordato in sede di Conferenza Stato Regioni sono state quasi subito disattese dalle Regioni stesse

Le prime a sfilarsi sono state Veneto, Friuli e Marche:
nelle loro scuole di didattica in presenza si parlerà a partire dal 1° febbraio.
Si riprenderà il 18 in Piemonte, Liguria, Lazio, Puglia e Molise e il 25 in Campania, Lombardia, Emilia Romagna e Umbria.
Oggi 11 gennaio si riprende in Valle d’Aosta, Toscana e Abruzzo;
in Trentino, la regione più autonoma d’Italia, il rientro c’è già stato il giorno 7.
Ma c’è molta confusione anche in campo sindacale con posizioni diverse fra il livello nazionale e quelli regionali.

Forse qualche schiarita potrebbe esserci a partire dai prossimi giorni
in concomitanza con la verifica di Governo data ormai per imminente

ICOTEA_19_dentro articolo

Di tutto questo ma anche di altro, a partire dalle proteste di genitori e studenti e dalla imminente possibile crisi di Governo si parla nel video di oggi.