Home I lettori ci scrivono Riprendere la normalità, ma rispettando le regole. Buon anno scolastico

Riprendere la normalità, ma rispettando le regole. Buon anno scolastico

CONDIVIDI
  • Credion

Cari ragazzi.

Un nuovo anno scolastico è appena iniziato.

La voglia di riprendere “in presenza” è tanta dopo molto tempo di didattica mista, fatta parte in classe e parte in dad.

Apprendere da un “monitor” non è come essere in classe, ma ragioni di forza maggiore avevano costretto a ricorre ad una metodologia da “estrema ratio”, accettata perché non si poteva fare altrimenti. Non vi sembra?

Ora la situazione appare diversa di qualche mese fa e tutti, credo, non vediate l’ora di rivedere i compagni, gli insegnanti che conoscete e quelli nuovi e tutto il personale scolastico.

Riprendere, in altri termini, la normalità. Ma il virus, però, non è stato definitivamente debellato, anzi circola ancora e quindi è doveroso che ciascuno faccia la propria parte. Come? Rispettando le regole a scuola ed in particolare fuori allorquando sono terminati gli impegni in aula.

Questo, unitamente al determinante aiuto offerto dalla medicina, è quanto mai importante per favorire il ritorno alla vita di sempre.

Ci vorrà tempo, ma ci si arriverà. La storia epidemiologica degli anni venti del secolo scorso ne è una testimonianza.

E soprattutto ricordate: “il male arriva in fretta, ma fatica ad andarsene”, come diceva un detto della saggezza popolare che ritengo sia ancora di valida attualità.

Buon anno scolastico a tutti.

Giovanni Todeschini