Home Archivio storico 1998-2013 Generico Rita Levi Montalcini, i Lincei non dimenticano

Rita Levi Montalcini, i Lincei non dimenticano

CONDIVIDI
  • Credion
Non si arrestano i messaggi di cordoglio e i ricordi per l’improvvisa perdita di Rita Levi Montalcini. Tra i tanti, abbiamo raccolto quello del presidente dell’Accademia nazionale dei Lincei, il professor Lamberto Maffei che è stato allievo della grande scienziata italiana.
“L’Accademia dei Lincei che ha avuto l’onore di averla tra i suoi soci”, la ricorda come “esempio di dedizione ed anche una forte spinta alla cultura e alla scienza”, ha tenuto a sottolineare Maffei.
Nel ricordare l’operato della scienziata torinese, il presidente dei Lincei ha detto che l’Italia ha perso “una nobilissima donna dall’esile figura ma in realtà un gigante enorme della scienza. Le sue ricerche sull’NFG, premiate con il Nobel, hanno dominato la mente di migliaia di scienziati che nei laboratori di tutto il mondo hanno continuato le sue ricerche e hanno portato nuove conoscenze e un cambiamento di paradigma epocale nello studio del sistema nervoso. L’NFG e altri fattori neurotrofici scoperti più recentemente sono diventati il centro dell’interesse per lo studio del cervello sia in condizioni fisiologiche che patologiche. Anche recentemente gli allievi della Montalcini, tra i quali io stesso, hanno cercato di applicare i suoi insegnamenti per la prevenzione e la cura della demenza senile in particolare dell’Alzheimer. Non si possono dimenticare il suo impegno continuo e accorato per lo sviluppo della ricerca scientifica e in particolare per i giovani ricercatori e il nobile grande aiuto che – ha concluso l’alto rappresentante dei Lincei – ha dato al miglioramento della condizione femminile, specialmente nei territori africani”.
Oltre che dell’Accademia dei Lincei, nella sua lunga carriera Rita Levi Montalcini è stata membro delle più prestigiose accademie scientifiche nazionali e internazionali: dall`Accademia Pontificia delle Scienze all`Accademia delle Scienze detta dei XL, dalla National Academy of Science alla Royal Society. E anche presidente onorario dell`Associazione Italiana Sclerosi Multipla.