Home Personale Riunioni degli organi collegiali: anche in presenza secondo il DPCM 11 giugno

Riunioni degli organi collegiali: anche in presenza secondo il DPCM 11 giugno

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il DPCM pubblicato in gazzetta ufficiale l’11 giugno ha previsto alcune norme che riguardano la scuola.

Fra di esse è previsto, fermo restando le norme precedenti che sono integrate o innovate: “le riunioni  degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche ed educative di ogni  ordine e grado possono essere svolte in presenza o a distanza sulla base della possibilità di garantire il distanziamento fisico e, di conseguenza, la sicurezza del personale convocato”.

In merito è opportuno ricordare quanto già previsto dalla Legge 27/2020 che ha stabilito fino al 31 luglio 2020 (data che al momento è stata indicata come la fine dello stato di emergenza), la possibilità di svolgere le riunioni degli organi collegiali in videoconferenza anche quando non esista alcun atto regolamentare interno che lo prevede.

ICOTEA_19_dentro articolo

Sembrerebbe pertanto consentita una riunione degli organi collegiali anche in presenza, ma è giusto rilevare che per garantire in condizione di sicurezza una tale attività sarebbe doveroso attuare tutte le determinazioni necessarie, fra le quali l’integrazione del DVR con la parte riguardante le misure anti-contagio il cui contenuto deve essere reso noto al personale, nonché si garantisca ai sensi della normativa vigente la sorveglianza sanitaria eccezionale.

In sostanza, è verosimile che le sedute degli organi collegiali continueranno per il momento ad essere svolte in videoconferenza. In ogni modo è necessario – se non già fatto – che gli istituti scolastici comincino a programmare e mettere in atto tutte le azioni necessarie per possibili riunioni collegiali in presenza, prima di procedere a convocazione.

Preparazione concorso ordinario inglese