Home Attualità Scuola e carovita, preoccupano i costi sempre più alti: lo studio UK

Scuola e carovita, preoccupano i costi sempre più alti: lo studio UK

CONDIVIDI

In un mondo governato dalle esigenze dei mercati, della finanza e dalla veicolazione di capitali e merci la cultura, purtroppo, ha assunto una dimensione che di fatto ne denatura l’essenza: economica, di costo, di sostegno da parte delle famiglie, sempre più appesantite economicamente dall’innalzamento del costo della vita, dettato da crisi energetica, sanitarie, economica e anche climatica.

Tali fattori, uniti all’interno di uno studio condotto dall’Istituto degli Studi Fiscali del Regno Unito, hanno rilasciato, in somma sintesi, un panorama alquanto preoccupante che interessa il continente europeo nella sua integrità. I costi per mandare bambini e bambine a scuola, specie per la tenera età, si rivelano sempre più elevati per le famiglie, spesso già sfiancate dalla crisi.

Icotea

L’assistenza all’infanzia, nella fattispecie, può anche avere un impatto significativo sul reddito effettivamente disponibile – e, quindi, sul tenore di vita – delle famiglie con bambini in tenera età. Il rapido aumento dei prezzi e una più ampia “crisi del costo della vita” hanno visto i dibattiti sull’entità e sulla progettazione del sostegno con i costi per l’assistenza all’infanzia salire nell’agenda politica negli ultimi mesi.

Il rapporto: dati, fonti, metodologie. Scarso utilizzo dei sostegni all’infanzia

In questo rapporto viene messo in discussione come il costo dell’assistenza all’infanzia è cambiato nel tempo e di come varia nel paese e tra i diversi tipi di famiglie. Mentre le questioni metodologiche rendono noto che i confronti internazionali comuni sopravvalutano il grado di differenza tra il Vecchio Continente e altre realtà macrogeografiche, è dimostrato che l’UE rimane costosa per l’assistenza all’infanzia anche dopo aver corretto le questioni più significative. E, sebbene in Europa vi sia un’ampia (e spesso confusa) gamma di sostegno del governo per l’istruzione precoce e l’assistenza all’infanzia, è dimostrato nello studio che i tassi di utilizzo effettivi differiscono ampiamente tra questi programmi. 

Mentre alcune sezioni del sistema dei primi anni stanno fornendo un sostegno sostanziale con i costi per l’assistenza all’infanzia, sono necessari miglioramenti significativi all’assistenza all’infanzia che non incidano sull’assetto fiscale. Mentre oltre il 90% delle famiglie ammissibili è a conoscenza del diritto gratuito di assistenza della durata di 15 ore per i bambini di 3 e 4 anni, solo 4 genitori su 10 di bambini in età prescolare avevano sentito parlare di assistenza all’infanzia esentasse nel 2019. Anche una volta lo schema è stato spiegato, quasi il 40% delle famiglie potenzialmente ammissibili afferma che non presenterà domanda, spesso a causa di regole di ammissibilità confuse o per via di percepito fastidio del processo di domanda.

I risultati chiave del dossier: costi elevati e limitanti, impatti complessivi sulla didattica e l’assistenza all’infanzia

Più della metà delle famiglie con un bambino in età prescolare non ha effettuato pagamenti per l’assistenza all’infanzia nel 2019. Tra le famiglie i cui figli hanno 1 e 2 anni, ciò è dovuto al fatto che le famiglie non utilizzano l’assistenza all’infanzia (20%) o utilizzano ambienti informali non retribuiti come le cure a livello familiare (33%). L’85% dei bambini di 3 e 4 anni utilizza un servizio di assistenza all’infanzia formale; due terzi di queste famiglie pagano meno di 20 euro (media UE) a settimana per tale scopo.

La metà dei bambini di 3 e 4 anni non gode del pieno diritto alle ore di custodia finanziate. Un maggiore sostegno con i costi per l’assistenza all’infanzia (soprattutto in età più giovane) potrebbe aiutare queste famiglie a utilizzare un’assistenza all’infanzia più formale e riconosciuta, ma non allevierà immediatamente le pressioni esistenti sui loro budget complessivi. 

Il costo dell’assistenza all’infanzia nell’UE è elevato rispetto ad altre realtà ed è aumentato rapidamente nel tempo. Secondo i dati offerti dal sondaggio, tra il 2010 e il 2021 il costo medio di un posto part-time presso un asilo nido per un bambino di età inferiore a 2 anni è cresciuto del 60% in termini di costi, il doppio della retribuzione media e molto superiore alla crescita complessiva del 24% prezzi medi nel medesimo periodo.