Home Generale Scuole dell’infanzia: al sud solo 12,3%

Scuole dell’infanzia: al sud solo 12,3%

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In base al Rapporto “Nidi e servizi educativi per l’infanzia, stato dell’arte, criticità e sviluppi del sistema educativo integrato”, frutto dell’accordo di collaborazione triennale stipulato a fine 2018 tra la presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia – l’Istat e l’Università Ca’ Foscari Venezia, emerge un altro dato che grida vendetta nei confronti della gestione politica e amministrativa delle scuole del sud e che vorrebbe pure giustizia.

Carenza strutturale

È stato infatti registrata una «carenza strutturale» nella disponibilità di servizi educativi per la prima infanzia rispetto al potenziale bacino di utenza (bambini di età inferiore a 3 anni)  e dunque una distribuzione profondamente disomogenea sul territorio nazionale.

12,3% complessivi

I posti disponibili nei nidi e nei servizi integrativi pubblici e privati – viene spiegato – corrispondono mediamente al 12,3% del bacino potenziale di utenza al Sud e al 13,5% di quello delle Isole, contro una media nazionale del 24,7% (anno scolastico 2017/2018). Una dotazione ben al di sotto – viene fatto notare nello studio -dell’obiettivo del 33% fissato per il 2010 dal Consiglio europeo di Barcellona del 2002.

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese