Home Università e Afam Scuole di interprete e traduttore al top

Scuole di interprete e traduttore al top

CONDIVIDI

Sarebbero molti gli sbocchi per chi intraprende un percorso di laurea per diventare interprete o traduttore, e in Italia ci sono “le ex scuole superiori (oggi dipartimenti) delle università di Trieste e di Bologna, gli atenei italiani che, insieme all’università degli studi internazionali di Roma (Unint), fanno parte della Ciuti, associazione internazionale delle migliori facoltà per interpretariato e traduzione. Si tratta spesso di corsi a numero programmato, con prove di ammissione nella prima (e talvolta anche in una seconda) lingua straniera”.

A porre l’attenzione su questi corsi universitari un articolo del Sole 24 Ore che fa il focus sulla scuola di Trieste – oggi dipartimento di scienze giuridiche, del linguaggio e dell0interpretazione e della traduzione (Iuslit) – “che prevede la laurea triennale in comunicazione interlinguistica applicata e la magistrale in traduzione specialistica e interpretazione di conferenza. Dal 2017-2018, inoltre, si aggiunge la triennale in comunicazione interlinguistica applicata alle professioni giuridiche, con sbocchi dagli studi forensi e notarili di rilievo internazionale agli uffici legali di imprese e istituzioni italiane e straniere”.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition carta-docente}

 

Ma sarebbe anche in crescita “il filone del public service interpreting, dall’ambito ospedaliero a quello giudiziario. Sono molte anche le chance nel commerciale, mentre restano validi, inoltre, sbocchi tradizionali in uffici diplomatici e istituzioni internazionali”.

Interessanti, riferisce Il Sole 24 Ore, anche i percorsi di studio del dipartimento interpretazione e traduzione (Dit) dell’ateneo di Bologna, campus di Forlì.

“Lo scorso anno sono stati introdotti moduli sull’uso di strumenti informatici dedicati, tra l’altro, a traduzione assistita, automatica, post editing”, in modo da cerare “corsi di traduzione audiovisuale, dal doppiaggio ai sottotitoli, ma anche di “localizzazione” di software e videogiochi. Alla triennale in mediazione linguistica interculturale si abbinano due magistrali, in specialized translation e in intepretazione” .