Home Archivio storico 1998-2013 Estero Se oggi giochi con i puzzle, domani sarai bravo in matematica

Se oggi giochi con i puzzle, domani sarai bravo in matematica

CONDIVIDI
  • GUERINI

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Chicago, pubblicato  sulla rivista Developmental Science, è arrivato alla conclusione che i bambini, di età compresa tra i 2 e i 4 anni, che gioca con le coloratissime tessere dei puzzle, dilettandosi a costruire immagini di cose e di scene di vita pratica, finiscono per primeggiare, divenuti più grandicelli, in matematica e in scienze.

Spiega la psicologa Susan Levine, esperta in sviluppo matematico nei bambini: “i piccoli che hanno passato ore a sistemare le tessere hanno ottenuto risultati migliori dei coetanei nei test che valutavano la loro capacità di ruotare e trasformare le forme nello spazio”.
Nella ricerca sono state coinvolte 53 coppie genitori-figli di diversa estrazione socio-economica. I ricercatori americani hanno videoregistrato le loro interazioni per sessioni di 90 minuti ogni quattro mesi, quando i piccoli avevano tra i 26 e i 46 mesi. I genitori sono stati invitati a interagire con i loro bambini in modo naturale, e circa la metà dei piccoli ha eseguito almeno un puzzle nel corso della ricerca. Due i dati emersi. Il primo: i piccoli,  maschi e femmine, crescendo avevano migliori abilità spaziali; il secondo: i maschietti  tendevano a usare puzzle più complessi e che con loro i genitori erano più impegnati nel gioco rispetto a madri e padri di femminucce.