Home Alunni Società italiana di Pediatria: vaccinate i bimbi

Società italiana di Pediatria: vaccinate i bimbi

CONDIVIDI
  • Credion

La Società italiana di pediatria, nella persona di Annamaria Staiano, ordinario di pediatria alla Federico II di Napoli e presidente della Società italiana di Pediatria, dà il proprio contributo alla campagna di vaccinazione  dei bimbi dai 5 agli 11 anni, così come raccomandato da Aifa: “L’unica certezza che abbiamo in questa pandemia tra tante incertezze è che i vaccini funzionano e sono sicuri, anche per i bambini”. 

“C’è chi dice che sono pochi – spiega Staiano all’Agi- ma è uno studio molto completo con 2.268 bambini, da cui è emersa un’efficacia del vaccino del 90,7% e una notevole sicurezza, con davvero pochi effetti collaterali registrati, tutti di minima entità”.

Icotea

“Negli Stati Uniti, ma anche in Canada, in Israele, hanno già iniziato da tempo a vaccinare i più piccolisiamo complessivamente a oltre 3 milioni di vaccinati pediatrici, e anche in questa massa molto più numerosa di persone abbiamo riscontrato l’efficacia del vaccino e pochi, pochissimi eventi avversi”.

Tuttavia viene pure obiettato: se anche i vaccini per i bambini sono sicuri, perché somministrarli se i più piccoli non subiscono le conseguenze drammatiche degli adulti in caso di contagio? “Perché non è vero – chiarisce nettamente la presidente dei pediatri – abbiamo visto in queste settimane un forte aumento dell’incidenza tra i bimbi, specie proprio nella fascia 5-11 anni che finora è stata esclusa dalle vaccinazioni. In questa fascia abbiamo registrato in tutto 180mila casi, non pochi, e purtroppo anche episodi di ospedalizzazione e di morte: sono 36 nel nostro Paese i bambini morti per il Covid e le sue complicanze. Dalle quali il vaccino protegge efficacemente”.

Per quanto riguarda invece le complicanze come la sindrome di insufficienza multiorgano, particolarmente severa con i bambini, Staiano afferma: “che ha un’incidenza di 3 casi ogni 10.000 e quasi sempre porta in ospedale per molto tempo“. Senza contare i dubbi sul long Covid pediatrico, con l’aumento delle segnalazioni di casi di piccoli pazienti alle prese anche mesi dopo l’infezione con “stanchezza, astenia, dolori muscolari, per un tempo che ancora non sappiamo”.

I genitori, in ogni caso, “devono stare tranquilli, fidarsi della scienza e se hanno dubbi parlare con il proprio pediatra, noi siamo qui per far capire che nel rapporto tra i rischi e i benefici del vaccino non c’è partita, perché i rischi del Covid, anche per i bambini, non sono trascurabili. Vaccinarli li proteggerà, e consentirà di garantire la piena ripresa dell’attività scolastica, oltre a ridurre il contagio nella popolazione generale”.