Home Disabilità Tfa sostegno VII ciclo, cosa studiare? Il profilo del docente specializzato

Tfa sostegno VII ciclo, cosa studiare? Il profilo del docente specializzato

CONDIVIDI

Come abbiamo anticipato, il Ministero dell’Università e della ricerca ha pubblicato il decreto ministeriale n. 333 del 31 marzo 2022 che autorizza, per l’anno accademico 2021-22, l’avvio dei percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità nella scuola dell’infanzia, nella scuola primaria, nella scuola secondaria di I grado e nella scuola secondaria di II grado.

I percorsi del VII ciclo dovranno concludersi, ai sensi dell’art. 3 comma 3 del decreto 8 febbraio 2019, n.92, entro il 30 giugno 2023.

Icotea

Il decreto stabilisce che le prove di accesso saranno costituite da un test preselettivo, una o più prove scritte (o pratiche) e da una prova orale e ha indicato le date per lo svolgimento della prova preselettiva per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno.

Ecco il calendario della prova preselettiva VII ciclo del Tfa sostegno:

24 maggio 2022 prove scuola dell’infanzia;
25 maggio 2022 prove scuola primaria;
26 maggio 2022 prove scuola secondaria I grado;
27 maggio 2022 prove scuola secondaria II grado.

Cosa studiare per la prova preselettiva?

Se non dovessero subentrare modifiche normative o se i bandi dei singoli atenei non dovessero fornire ulteriori indicazioni, i contenuti di studio in vista della prova preselettiva dovrebbero fare riferimento al DM 30 settembre/2011.

Le prove riguarderanno le seguenti tematiche: competenze linguistiche e comprensione del testo, competenze socio-psico-pedagogiche e didattiche, competenze su empatia e intelligenza emotiva, competenze su creatività e su pensiero divergente, competenze organizzative in riferimento all’organizzazione scolastica e agli aspetti giuridici concernenti l’autonomia scolastica.

Per andare più nel dettaglio, l’allegato C del DM 30 settembre/2011 precisa che l’aspirante docente di sostegno dovrà possedere le seguenti competenze:

  • Competenze socio-psico-pedagogiche diversificate per grado di scuola: infanzia, primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado.
  • Competenze su intelligenza emotiva, riferite ai seguenti aspetti: riconoscimento e comprensione di emozioni, stati d’animo e sentimenti nell’alunno; aiuto all’alunno per un’espressione e regolazione adeguata dei principali stati affettivi; capacità di autoanalisi delle proprie dimensioni emotive nella relazione educativa e didattica.
  • Competenze su creatività e su pensiero divergente, riferite cioè al saper generare strategie innovative ed originali tanto in ambito verbale linguistico e logico matematico quanto attraverso i linguaggi visivo, motorio e non verbale.
  • Competenze organizzative in riferimento all’organizzazione scolastica e agli aspetti giuridici concernenti l’autonomia scolastica: il Piano dell’Offerta Formativa, l’autonomia didattica, l’autonomia organizzativa, l’autonomia di ricerca e di sperimentazione e sviluppo, le reti di scuole; le modalità di autoanalisi e le proposte di auto-miglioramento di Istituto; la documentazione; gli Organi collegiali: compiti e ruolo del Consiglio di Istituto, del Collegio Docenti e del Consiglio di Classe o Team docenti, del Consiglio di Interclasse; forme di collaborazione interistituzionale, di attivazione delle risorse del territorio, di informazione e coinvolgimento delle famiglie. Compito e ruolo delle famiglie.

I nostri corsi di preparazione alle prove del Tfa Sostegno

Il profilo del docente di sostegno

Il profilo del docente specializzato nel sostegno viene definito invece nell’allegato A del D.M. 30 settembre 2011.

Il docente specializzato per il sostegno deve possedere:

  • competenze teoriche e pratiche nel campo della pedagogia speciale;
  • competenze teoriche e pratiche nel campo della didattica speciale;
  • conoscenze psico-pedagogiche sulle tipologie delle disabilità;
  • competenze nell’ambito della pedagogia della relazione d’aiuto;
  • conoscenze e competenze sulle modalità di interazione e di relazione educativa con gli alunni della classe promuovendo relazioni pro-sociali fra gli stessi e fra questi e la comunità scolastica;
  • competenze educative delle dinamiche familiari e delle modalità di coinvolgimento e cooperazione con le famiglie;
  • approfondite conoscenze di natura teorica e operativa per l’approccio interdisciplinare allo studio dell’interazione corpo-mente, della psicomotricità, del comportamento e dell’apprendimento dell’essere umano;
  • approfondite conoscenze di natura teorica e operativa in relazione ai processi di comunicazione;
  • familiarità e competenza con prassi e metodologie simulative, osservative e sperimentali nell’ambito dell’educazione e della didattica speciale;
  • capacità di analizzare e comprendere i processi cognitivi a livello individuale e collettivo, in condizioni di disabilità e non;
  • competenze per co-ideare, co-monitorare e co-condurre progetti innovativi finalizzati a promuovere il processo di integrazione all’interno del contesto classe;
  • competenze didattiche speciali in ambito scientifico, umanistico e antropologico;
  • competenze didattiche negli approcci metacognitivi e cooperativi;
  • competenze didattiche speciali per le disabilità sensoriali e intellettive;
  • competenze psico-educativo per l’intervento nei disturbi relazionali e comportamentali;
  • competenze pedagogico-didattiche nella gestione integrata del gruppo classe;
  • competenze per monitorare e valutare gli interventi educativi e formativi;
  • conoscenze in ambito giuridico-normativo sull’integrazione scolastica e sui diritti umani;
  • competenze didattiche con le T.I.C.;
  • competenze di comunicazione e collaborazione con i colleghi e gli operatori dei servizi sociali e sanitari;
  • competenze pedagogico-didattiche per realizzare le forme più efficaci ed efficienti di individualizzazione e personalizzazione dei percorsi formativi;
  • competenza pedagogica nello sviluppo del PEI per il Progetto di Vita;
  • competenze didattiche finalizzate allo sviluppo delle abilità comunicative e linguistiche;
  • competenze di osservazione e valutazione dei vari aspetti del funzionamento umano secondo l’approccio ICF dell’OMS.

DM n. 333 del 31 marzo 2022

Tabella dei posti