Precari

Un prof su 4 è precario

Sembra un vortice che non debba mai smettere, il ciclone precariato che da troppi anni ormai sta infuriando sulla scuola e che non pare possa definitivamente cessare.  Anzi, con gli anni si avviluppa sempre di più, tanto da sembrare fuori controllo come del resto la ricerca effettuata da Tuttoscuola sembra suggerire, basandosi sui dati ufficiali del ministero.

Pare infatti che i posti assegnati ai docenti precari dal 2015 abbiano raggiunto la soglia del più 224% , 225 mila su un totale di circa 900 mila posti, con una inevitabili ricaduta non positiva sugli apprendimenti degli studenti, in particolar modo su quelli fragili, oltre che sulla vita dei docenti, riconfermati di anno in anno, spesso in scuole diverse, sempre in attesa e sempre in ansia.  

Si parla dunque di un tasso di precarietà che avrebbe raggiunto il  25%, parti cioè a un docente precario su quattro, mentre i tentativi di risolvere questa orribile piaga si susseguono  da anni. 

Oggi Giuseppe Valditara ha in mente un piano di reclutamento per 70 mila posti di docenza per il 2024, di cui circa 20 mila per il prossimo settembre, e in parte riservati ai docenti precari. Tuttavia, sulla base dei numeri elaborati, sembrano reclutamenti del tutto inefficaci per risolvere il problema.

Infatti, secondo quanto riporta Tuttoscuola, esaminando i  dati ufficiali pubblicati dal ministero per il 2021/22 , quei 70 mila posti – ammesso che alla fine vengano tutti coperti da vincitori dei prossimi concorsi (come purtroppo non è avvenuto negli ultimi anni) – copriranno meno di un terzo del fabbisogno. 

Le 70 mila assunzioni copriranno infatti a malapena i 67.467 posti registrati dal Ministero e assegnati a precari con contratto annuale su posti vacanti. 

Questo senza considerare che, nel frattempo, altri 25mila posti circa rimarranno disponibili a settembre a seguito dei pensionamenti. A questo gap si aggiungono altri 157.461 posti coperti l’anno scorso da docenti con contratto fino al 30 giugno. A farne le spese saranno prima di tutto gli studenti, soprattutto quelli con disabilità: nell’anno scolastico in corso la percentuale di alunni con disabilità che si sono visti cambiare l’insegnante di sostegno è salita addirittura al 59%.

Su questo versante, emergono i posti di sostegno in deroga che non hanno mai registrato flessioni dal 2015/16 quando erano poco più di 35 mila; l’anno scorso hanno sfiorato le 96mila unità, per cui tutto fa supporre che i posti di sostegno aumenteranno e i posti in deroga potrebbero sfiorare la punta record di centomila.

Pasquale Almirante

Articoli recenti

Contratto scuola, Fracassi (Flc-Cgil): “Il Ministro fa confusione, per ora i soldi non ci sono”

Con Gianna Fracassi, segretaria generale di FLC CGIL, parliamo del prossimo rinnovo contrattuale che, è…

18/06/2024

Domanda ATA 2024, gli errori più comuni: evitali grazie alla consulenza personalizzata con il nostro esperto

Compilare la domanda per la terza fascia del personale ATA (Amministrativi, Tecnici e Ausiliari) può…

18/06/2024

Naufragio in Calabria, il cortometraggio realizzato in una scuola per ricordare Cutro e il dramma dell’emigrazione

Il liceo “G.V. Gravina” di Crotone, su un’idea della docente Emilia Esposito, ha realizzato un…

18/06/2024

Diplomifici, Valditara revoca lo status di paritarie 47 scuole: docenti senza titoli ed esami svolti in modo irregolare

Ecco le prime conseguenze tangibili dell'ispezione, messa in atto dal ministero dell'Istruzione e del Merito,…

18/06/2024

Assegnazioni provvisorie 2024/2025, incontro al Ministero: presentata bozza di intesa, le richieste di Flc Cgil

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha convocato i sindacati nel pomeriggio di ieri, lunedì 17 giugno 2024, sul rinnovo…

18/06/2024

Esami di stato e certificazioni delle competenze: chiuso il dibattito?

Con ciclica ricorrenza, all’inizio o a conclusione degli esami di stato, si discute sulla loro…

18/06/2024