Home Personale AAA: presidenti di commissione cercansi

AAA: presidenti di commissione cercansi

CONDIVIDI

Mentre si discute se e come aprire a settembre le scuole, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, sembra che non si stiano trovando presidenti di commissione disponibili a svolgere l’esame di stato nell’anno scolastico segnato dal coronavirus.

Secondo il Messaggero infatti mancherebbero all’appello i presidenti di commissione negli istituti superiori del Lazio, ma anche in Piemonte, in Veneto e nelle Marche.

ICOTEA_19_dentro articolo

Poche candidature: quali i motivi

In pratica si registrerebbero poche candidature un po’ in tutta Italia dovute, forse pure, all’incognita in cui si è inabissato l’esame di stato, per cui ancora tutta l’organizzazione del Ministero parrebbe nuotare affannosamente per non affogare nel mare delle incertezze, considerato pure che fra un mese, il 17 giugno, partirà l’annuale rito, nonostante tutte le paure del famigerato Covid-19.

Vigilanza anche dal personale medico

Sul fronte invece del rientro a settembre la ministra Azzolina, ha specificato che sugli studenti dovrà vigilare non solo il personale scolastico ma, come chiedono i sindacati, anche quello medico, mentre si tirano i conti sui dispositivi di sicurezza, fa cui i termoscanner, uno solo dei quali costa dai 40 ai 100 euro.

Se dunque uno solo ha questo costo, quanto spenderebbe una scuola più grande e che ne ha bisogno qualcuno, o anche più? La  spesa potrebbe diventare importante, soprattutto se associata all’acquisto di disinfettanti per le mani, mascherine, presidi sanitari di emergenza.