Home Personale Adozione libri di testo, tetti di spesa e le info utili per...

Adozione libri di testo, tetti di spesa e le info utili per presidi e docenti

CONDIVIDI
  • Credion

La circolare del Ministero dell’Istruzione, la n. 5571 del 29 marzo 2018, conferma le istruzioni in merito all’adozione dei libri di testo così come stabilito dalla nota n. 2581 del 9 aprile 2014.

I tetti di spesa relativi alle classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado sono ridotti:

Icotea
  1. del 10% solo se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima volta a partire dall’a.s. 2014/15 e realizzati nella versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista);
  2. del 30% solo se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima volta dall’a.s. 2014/15 e realizzati nella versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale).

I docenti potranno incontrare gli operatori editoriali scolastici accreditati dalle case editrici.

Si rammenta, inoltre, di agevolare, in orari non coincidenti con lo svolgimento delle attività didattiche, gli incontri dei docenti con i promotori editoriali, finalizzati alla presentazione dei libri di testo.

Con specifico riguardo alla scuola primaria, si segnala l’opportunità di individuare un locale dove i docenti possano consultare le proposte editoriali; i dirigenti scolastici avranno cura di consentire il ritiro, da parte dei promotori editoriali, delle copie dei testi non adottati entro il prossimo mese di settembre.

Infine, si rammenta il divieto di commercio dei libri di testo, così come stabilito dall’art. 157 del d.lgs. 16 aprile 1994, n. 297.

Scelta dei testi scolastici

Il collegio dei docenti può adottare, con formale delibera, libri di testo ovvero strumenti alternativi, in coerenza con il piano dell’offerta formativa, con l’ordinamento scolastico e con il limite di spesa stabilito per ciascuna classe di corso.

Testi consigliati

I testi consigliati possono essere indicati dal collegio dei docenti solo nel caso in cui rivestano carattere monografico o di approfondimento delle discipline di riferimento. I libri di testo non rientrano tra i testi consigliati. Rientra, invece, tra i testi consigliati l’eventuale adozione di singoli contenuti digitali integrativi ovvero la loro adozione in forma disgiunta dal libro di testo.

Sforamento del tetto di spesa

Il Ministero dell’Istruzione ricorda che gli eventuali sforamenti degli importi relativi ai tetti di spesa della dotazione libraria obbligatoria delle classi di scuola secondaria di primo e di secondo grado debbono essere contenuti entro il limite massimo del 10 per cento.

In tal caso le relative delibere di adozione dei testi scolastici debbono essere adeguatamente motivate da parte del Collegio dei docenti e approvate dal Consiglio di istituto.

Termini per le adozioni dei libri di testo

Le adozioni dei testi scolastici vengono deliberate dai collegi dei docenti nella seconda decade di maggio. I dirigenti scolastici avranno cura di richiedere, fin da ora, ai centri di produzione specializzati che normalmente curano la trascrizione e la stampa in braille, i testi scolastici necessari confermati, al fine di consentirne la disponibilità per l’inizio delle lezioni agli alunni non vedenti o ipovedenti frequentanti la propria scuola.

I dirigenti scolastici avranno cura di esercitare la necessaria vigilanza affinché le adozioni dei libri di testo siano deliberate nel rispetto dei vincoli di legge, assicurando in ogni caso che le scelte siano espressione della libertà di insegnamento e dell’autonomia professionale dei docenti. Pertanto, eventuali attribuzioni gratuite in qualunque forma, a favore dei docenti o dell’istituzione scolastica, non dovranno in alcun modo condizionare il giudizio valutativo da parte del collegio docenti nella fase di assunzione della delibera.