Home Attualità Al Ministero si ricorda il giudice Scopelliti, assassinato dalla mafia 30 anni...

Al Ministero si ricorda il giudice Scopelliti, assassinato dalla mafia 30 anni fa

CONDIVIDI
  • Credion

Presso la sede del Ministero dell’Istruzione è in programma per giovedì 29 luglio alle ore 11 un evento dedicato a ricordare la figura di Antonino Scopelliti, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, assassinato il 9 agosto di 30 anni fa nei pressi di Villa San Giovanni in un agguato di mafia.

 Nel corso dell’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scopelliti, presieduta dalla figlia Rosanna, e dall’ANP, saranno premiati gli studenti che hanno partecipato al concorso per l’assegnazione di borse di studio intitolate al magistrato e istituite appunto dalla Fondazione.

Icotea

Alle candidate e ai candidati era stato proposto di realizzare un elaborato artistico-letterario e/o multimediale sul tema della diffusione di internet, dei social network e delle piattaforme digitali che hanno favorito profonde trasformazioni nei processi di produzione e distribuzione delle notizie e nella fruizione delle informazioni. In particolare è stato chiesto a ragazze e ragazzi di cimentarsi in componimenti in poesia o prosa, opere di arte figurativa (pittura, disegno, fotografia, grafica), video o cortometraggi, musica, per spiegare quali percorsi di legalità si possano intraprendere per aumentare il livello di attenzione e di analisi nei confronti dei contenuti presenti online. Al concorso, aperto ad alunni del quinto anno della primaria ma anche a studenti dell’ultimo anno di secondaria di primo grado e del biennio del secondo grado, hanno partecipato centinaia di scolaresche di tutta Italia.

Alla manifestazione interverranno il ministro Bianchi, Rosanna Scopelliti e il Capo Dipartimento Stefano Versari e parteciperanno, in videoconferenza, il Sindaco di Reggio Calabria, il Sindaco di Campo Calabro (RC) e le studentesse e gli studenti premiati.
L’incontro sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube del Ministero e sarà disponibile anche sulla pagina Facebook della Fondazione.