Home Sicurezza ed edilizia scolastica Allarme pidocchi: 1,5 milioni gli under 18 colpiti

Allarme pidocchi: 1,5 milioni gli under 18 colpiti

CONDIVIDI
  • GUERINI

”L’unico modo per debellare i pidocchi è il controllo sistematico con il pettinino. Se non si rimuovono tutte le uova, si ricomincia punto e a capo”. A dirlo gli esperti di Dermatologia e Venereologia.
Per evitare i contagi non fare “testa contro testa” durante il gioco a scuola, a casa o sui campi sportivi; non condividere vestiti, cappelli, caschi, bandane, auricolari, spazzole e asciugamani; disinfettare pettini e spazzole in acqua calda per 5-10 minuti.
In Italia sono 1 milione e 400 mila gli under 18 colpiti da pediculosi e la metà – circa 700 mila – hanno meno di 6 anni; seguono i bambini dai 6 ai 12 anni, che sono circa 500 mila, e poi quelli più grandi – fino a 18 anni – circa 200 mila.
Il fenomeno è in continuo aumento in tutto il mondo, soprattutto nei Paesi industrializzati; in Europa l’epidemia colpisce l’1-3% della popolazione totale. Secondo le statistiche del Ministero della Salute, il problema si manifesta principalmente tra i banchi di scuola: un bambino su dieci rimane vittima dei pidocchi proprio all’interno di un ambiente scolastico.
”Oggi una buona terapia con schiume e lozioni occlusive può assicurare il vero trattamento efficace solo se nel tempo si ripassa tra i capelli il pettine stretto. E’ un tema sul quale genitori, corpo docente e dermatologo dovrebbero viaggiare insieme, ma, ahimè, non sempre è così”. ”Con la dermatoscopia i pidocchi si possono scorgere più facilmente e il dermatologo è sicuramente la figura più indicata per risolvere il problema. E’ importante inoltre non sottovalutare il controllo di tutta la famiglia, altrimenti si registra una ricaduta in breve tempo. In alcuni casi resistenti si attuano anche cicli di antibiotici come il cotrimossazolo, tossico per il pidocchio”.